Estate sicura in casa vacanza: la scelta giusta è sul web, ma seguite le regole anti-fregatura

L’estate 2020 registra il boom delle case vacanza, al mare, in montagna e in campagna. Ecco cosa scegliere e come pagare nel vademecum della Polizia Postale, di Unione Consumatori e Subito.it

Quante volte abbiamo sperimentato di persona o attraverso il racconto di amici e conoscenti la delusione per aver acquistato qualcosa che, dal vivo, era molto diverso da come ci era stato proposto? Vale sempre, a maggior ragione quando si prenotano le vacanze. Il rischio maggiore, nel momento in cui sceglie una sistemazione per il nostro periodo di relax e meritato riposo, è quello di incappare in una “fregatura”.

Tanto più nell’estate 2020, nella quale secondo indagini di mercato e sondaggi saranno proprio le case vacanza la meta ideale di milioni di turisti. Il Molise, con la sua ampia disponibilità di villette e casolari rurali, case al mare e appartamenti nei piccoli centri dove il distanziamento è assicurato, costituisce un terreno particolarmente appetibile per truffe e inganni. Ecco perché la Polizia Postale e delle Comunicazioni, unitamente all’Unione Nazionale Consumatori e a Subito.it, hanno approntato un vademecum utile a evitare imbrogli che finiscono per rovinare le ferie, offrendo strumenti concreti in grado di sviluppare comportamenti virtuosi sul web e soprattutto a garantire la sicurezza, parola chiave di questa estate.

Dopo il difficile periodo di “lockdown” la voglia di vacanza si fa sentire, ma è forte anche il bisogno di organizzare una vacanza sicura, principalmente dal punto di vista della salute. La casa vacanza, indipendente e facilmente raggiungibile con mezzi propri, diventa un’alternativa valida a hotel affollati e villaggi turistici: una tendenza già molto evidente nel piccolo Molise, dove le prenotazioni per questa tipologia di alloggio fioccano.

Ma è bene, prima di imbarcarsi in un viaggio alla volta di mare, campagna e montagna, adottare alcune regole valide nella fase di ricerca e prenotazione dell’alloggio prescelto.

casa vacanza bella

IMMAGINI

Le foto ti sembrano troppo belle per essere vere? Esiste un “trucchetto” per capire se sono autentiche o meno: clicca sull’immagine con il tasto destro del mouse e seleziona l’opzione “Cerca l’immagine su Google”. Questo sistema ti permetterà di capire se le foto che vedi sono copiate e incollate da altri siti o se invece sono originali.

PREZZO

Se il prezzo ti sembra fin troppo conveniente, paragonalo a quello indicato in altri annunci simili. Se c’è una gran differenza, è assai probabile che si tratti di un annuncio fasullo. Per capire se un prezzo è alto, basso o adeguato è opportuno fare una ricerca sulla zona tramite la piattaforma in cui è presente l’annuncio, utilizzando anche un motore di ricerca e controllando se il prezzo non è troppo basso e quindi effettivamente in linea con la località e la struttura della casa.

DESCRIZIONE

Se la descrizione della casa è troppo breve e fornisce poche informazioni, non esitare a chiederne altre all’inserzionista. Prendi contatto con l’inserzionista tramite la chat della piattaforma, chiedi informazioni e foto aggiuntive sull’immobile e approfondisci con una chiacchierata chiedendo il numero di telefono, possibilmente fisso.

INSERZIONISTA

Al telefono presta attenzione all’accento dell’interlocutore: è diverso da quello della zona in cui è collocato l’immobile? Inoltre, chiedi sempre altre foto e l’esatta ubicazione della casa, in modo da verificare la corrispondenza con l’eventuale mappa sull’annuncio (Se vedi il badge “indirizzo confermato” significa che l’inserzionista ha convalidato l’indirizzo dell’immobile tramite l’invio postale di un codice).

CAPARRA

Se dopo le verifiche hai deciso di proseguire con la trattativa e devi pagare una caparra, l’ideale sarebbe contattare l’inserzionista per una visita della casa e per consegnare l’importo dovuto di persona. Visto che questo non è sempre possibile, ricordati che la caparra non deve mai superare il 20% del totale. Diffida da chi chiede una somma troppo alta.

PAGAMANENTI

Non inviare mai documenti personali: carta d’identità, patente o passaporto non devono mai essere condivisi in quanto potrebbero essere utilizzati per fini poco leciti. Effettuare pagamenti solo su Iban o tramite metodi di pagamento tracciato. L‘Ibab bancario deve essere riconducibile a un conto corrente italiano che è possibile verificare tramite strumenti come Iban calculator (lo trovi digitandolo in un qualsiasi motore di ricerca).

polizia postale

La Polizia Postale e delle Comunicazioni ogni giorno assiste i cittadini sulla sicurezza in rete, aiutandoli ad individuare e limitare possibili rischi. L’utilizzo del web per la ricerca delle proprie vacanze è ormai una realtà consolidata e una grande opportunità. Ma, appunto, tenendo bene a mente determinate regole. La Polizia Postale è accanto ai cittadini con un’azione congiunta con chi tutela gli interessi dei consumatori e con il market place leader in Italia, proprio in questo momento di picco delle prenotazioni in vista della stagione estiva.