Consiglio comunale di Larino tuona contro Toma: “Parole inopportune e offensive”

Il consiglio comunale di Larino prende posizione compatto e ribatte alle parole di Donato Toma, che a proposito di Vietri ospedale Covid ha parlato di ‘cattedrale nel deserto’.

“I consiglieri comunali della Città di Larino, massima espressione democratica di questa comunità – si legge in una nota stampa -, dopo aver ascoltato per diversi giorni le “esternazioni” del presidente Toma in merito alla realizzazione di un Centro Covid a Larino, da lui stesso definito una “cattedrale nel deserto”, a tutela della dignità del territorio che rappresentano, ritengono con la presente palesare la loro assoluta contrarietà alle affermazioni inopportune e per certi versi offensive del Governatore.

Covid Hospital, Toma scommette su Campobasso: “Scettico sul Vietri, rischia di diventare cattedrale nel deserto”

Questa amministrazione, come noto, sta lavorando in maniera unitaria e in collaborazione con 118 Sindaci del territorio per garantire alle popolazioni dell’area del cratere e del comprensorio del basso Molise, spesso poco considerate, una sanità efficiente. Una sanità valida ed efficace nel fronteggiare, anche in periodi emergenziali, accadimenti come quelli del Covid-19 e che, come indicato dai pareri scientifici rilasciati dagli esperti nonché come ribadito dallo stesso Ministro Speranza, possono aggredire nuovamente la popolazione”.

Secondo il consiglio comunale di Larino “l’istituzione di un Centro Covid a Larino presso il Vietri, ospedale idoneo dal punto di vista strutturale e dotato di ampi spazi, provvisto anche di camera iperbarica, risulterebbe sicuramente utile nella cura dei principali sintomi causati dal coronavirus e nel corso del tempo potrebbe anche potenzialmente sfociare in un Istituto a Carattere Interregionale per la Ricerca e lo Studio delle malattie infettive. Quest’ultimo aspetto non è da sottovalutare dato che rappresenterebbe un’opportunità per ridare dignità e speranza di rilancio ad un territorio, per lungo tempo penalizzato da tutta una serie di programmazioni sanitarie inappropriate e poco rispettose degli equilibri territoriali della Regione”.

Quindi i consiglieri invitato “il Presidente Toma che, nelle sue ultime dichiarazioni si è definito un “track record”, ovvero un uomo con comprovata esperienza, a riferire in Consiglio regionale ed anche, volendo, qui nella nostra Città, le motivazioni per le quali l’istituzione del Centro Covid a Larino costerebbe 34 milioni di euro a fronte dei 2,5 milioni di euro che, a suo avviso, si spenderebbero per l’istituzione dello stesso a Campobasso.

Invitiamo, inoltre, il Presidente Toma a non denigrare più il territorio molisano che lui stesso rappresenta, in particolar modo quello del basso Molise con affermazioni che non trovano riscontro nella realtà e di rispettare la nostra Città per la sua storia, le sue tradizioni e la sua cultura. È auspicabile, utile ed opportuno, lasciare da parte “tende, torri e containers” e prendere, finalmente, decisioni eticamente ed umanamente coraggiose che tengano nella dovuta considerazione le urgenti necessità dell’intera comunità molisana”.

 

Più informazioni su