Click day e pochi fondi, “penalizzate le piccole e micro imprese”. In Molise sono il 75%

Anche Confimprese Molise tuona contro quella che definisce “la pochezza delle risorse finanziarie a fondo perduto assegnate dalla Giunta Toma per le microimprese”. Questi i numeri: 20 milioni alle medie imprese contro 8 milioni alle micro e piccole imprese. “Ma le microimprese – argomenta il presidente Paolo Cordisco – nel Molise rappresentano il 75% mentre le medie imprese il restante 25%”.

Una scelta politica che si reputa “immotivata” e che mina la sopravvivenza delle micro e piccole imprese molisane. E ancora: “Con il click day le micro imprese saranno penalizzate perché non sufficientemente organizzate a rispondere”.  Ancora una volta sono le piccole e medie imprese a subire le sperequazioni da Covid 19.

La situazione regionale è evidenziata da Italia Viva Molise e dall’onorevole Giuseppina Occhionero che ha accolto le rimostranze del presidente di Confimprese Paolo Cordisco.

Dunque le micro e piccole aziende del Molise, che rappresentano tre quarti del tessuto produttivo regionale, possono ad oggi usufruire di risorse a fondo perduto pari a 8 milioni di euro. “Le medie imprese hanno invece goduto di 20 milioni di euro. Il bando risulta essere anche scaduto”.

“Una differenza inaccettabile- tuonano Italia Viva Molise e l’onorevole Giuseppina Occhionero – che mette in ginocchio ancora una volta i più piccoli che, dopo il Covid 19, hanno subito maggiori danni e ad oggi hanno anche più difficoltà a ripartire. Ci uniamo alla battaglia di Confimprese Italia, chiedendo al presidente Toma di cambiare passo e di dare a tutti le stesse opportunità per risollevarsi da una crisi economica durissima”.

A questo poi si aggiungono le difficoltà – già evidenziate da Italia Viva Molise – legate appunto al sistema del click day, secondo il quale chi clicca più velocemente il bando si aggiudica il contributo.

Chi prima arriva meglio alloggia, fondi della Regione assegnati col click-day: associazioni pronte a fare ricorso

“Entrambe le sperequazioni – continua la nota – vanno assolutamente superate. Soprattutto tenendo conto che è proprio la piccola e microimpresa a sostenere le sorti del Molise. Ammazzarla significa uccidere l’economia di una regione già in difficoltà da ogni punto di vista”.

Quindi l’appello a Toma affinchè recuperi altre risorse: “devono essere almeno alla pari di quelle erogate alle aziende di medie dimensioni”.