‘CambiAmo Montenero’, nasce il comitato civico. “No poteri forti ma progetti concreti”

Le Amministrative si avvicinano e si è costituito il comitato civico “CambiAmo Montenero”, fondato da Massimo Di Stefano (ex assessore alla Cultura della Giunta Travaglini), Roberto Di Gregorio, Nicolino Di Bello, Gianluca Senese, Pasquale Tieri e Simone Zappitelli. Obiettivo? Invertire la rotta della politica territoriale con “progetti concreti ed essenziali per la crescita della nostra collettività”.

cambiamo montenero

“In questo ultimo decennio abbiamo assistito – scrivono dal neo comitato – ad un corto circuito politico che ha segnato negativamente le sorti legate allo sviluppo ed alla crescita della nostra comunità. Il potenziale del nostro territorio è stato utilizzato al solo fine personale dei singoli autori che hanno avuto a cuore esclusivamente le loro carriere e le loro poltrone, nonostante le battaglie fatte sia all’interno che all’esterno dei cosiddetti ‘poteri forti’.

Siamo pronti a mettere in campo un vero e proprio impegno senza alcun intermediario partitico e che si traduce in progetti concreti ed essenziali per la crescita della nostra collettività. Occorre ridare slancio e sostegno alle nostre attività economiche messe in ginocchio, prima dalla crisi economica, poi dalla drammatica emergenza della pandemia da Covid-19. Bisogna restituire ai nostri territori il loro naturale ed armonico sviluppo, secondo le loro vocazioni: Agricole, Commerciali e Turistiche. E’ indispensabile avere un occhio al futuro ed aprirsi alle persone di buona volontà che non si riconoscono in queste ‘fallimentari’ amministrazioni.

Cambiamento e Concretezza, Inclusione, Innovazione, Partecipazione, Rinnovamento. Queste sono le nostre parole chiavi”.