Quantcast

Altro che regole di igiene e distanziamento, il pullman è sporco e cade a pezzi: “Ci piove addosso”

La denuncia dei lavoratori Sevel che prendono ogni giorno il mezzo Atm da Campomarino: "Scandaloso, e poi ci chiedono di mettere la mascherina"

Nemmeno l’emergenza sanitaria ha avuto la forza di cambiare i mezzi pubblici su cui i lavoratori pendolari devono viaggiare tutti i giorni. Ancora una volta infatti arriva una segnalazione, corredata da foto, di un autobus dell’Atm in pessime condizioni, nonostante siamo in un periodo in cui i mezzi dovrebbero essere non solo puliti, ma anche igienizzati continuamente e perfetti dal punto di vista dell’ordine per garantire il distanziamento fisico.

E invece dai pendolari Sevel di Campomarino arriva una denuncia che lascia senza parola. “Un fatto davvero scandaloso, ecco in che condizioni viaggiamo col pullman dell’azienda Atm” afferma l’operaio Sevel di Campomarino autore delle foto.

“Ogni giorno prendo il pullman dell’Atm, ditemi voi se questo significa aver fatto la sanificazione anti-covid, visto che ci piove all’interno, oltre alla sporcizia e polvere che ci sono. Ditemi voi se sono condizioni igieniche queste” si sfoga il pendolare.

Pulman ATM disastroso

Purtroppo non è la prima volta che si verifica un fatto simile. Anche in tempi di covid-19 sono stati segnalati pullman sporchi o fatiscenti, addirittura con porte che restano aperte durante il viaggio. Dalle verifiche effettuate dalla Polstrada nelle scorse settimane però sembra non siano emerse irregolarità.

“Questi pullman sono da rottamare, invece circolano ancora. Rompono le scatole che dobbiamo portare la mascherina, e poi viaggiamo nell’immondizia, e dobbiamo ripararci dall’acqua all’interno del pullman. Ci hanno chiesto un aumento dell’abbonamento del 40% e poi viaggiamo in queste pessime condizioni” conclude l’autore della segnalazione.

Pulman ATM disastroso

Viene quindi da domandarsi con che coraggio si chiede ai viaggiatori di tenere la distanza, di indossare la mascherina e di igienizzarsi le mani, se poi i mezzi pubblici sono questi.