Quantcast
Campobasso

Sussidi comunali accreditati sulle tessere sanitarie con un sistema virtuale

Gli aiuti che spettano alle persone vengono accreditate sulle tessere sanitarie. L’assessore Praitano: “Formula vantaggiosa per i cittadini perché non si è costretti a spendere più del necessario, come invece avviene con i buoni spesa”.

L’amministrazione comunale di Campobasso ha introdotto recentemente un sistema di accredito virtuale di denaro sulle tessere sanitarie. Grazie alla collaborazione dei commercianti che aderiscono all’iniziativa, i cittadini beneficiari di sussidi possono recarsi presso alcuni esercizi commerciali e spendere il proprio credito comodamente.

 

“Questa formula è particolarmente vantaggiosa per i cittadini per almeno due ragioni – ha dichiarato l’assessore alle politiche sociali Luca Praitano –. Non si è costretti a spendere più del necessario, come invece avviene con i buoni spesa, per esempio, perché a fronte di un acquisto ipotetico di 7 euro, se il taglio del buono è di 10 euro, si è costretti ad acquistare beni per ulteriori 3 euro, in quanto non è previsto il resto”.

 

“Oppure – prosegue l’assessore – se si compra qualcosa per un importo totale di 12 euro si deve integrare il buono con soldi che a volte, a causa di situazioni di estrema indigenza, non si posseggono. Non c’è necessità della consegna o del ritiro di banconote e/o ticket equivalenti, il che rende più veloce e più sicura la disponibilità di credito da spendere da parte dei campobassani”.

 

“Al momento, sono 150 i cittadini che stanno testando questo sistema – conclude Praitano – però riteniamo di implementare ulteriormente questa innovazione, ponendo rimedio ad eventuali problemi di gestione che dovessero emergere in questa fase iniziale e perfezionando quegli aspetti che possano rendere migliore il servizio”.

commenta