Quantcast

Stadio Selvapiana, Di Cristinzi: “Capienza a 16.048 posti, a norma Uefa”

Il presidente della Figc Molise esprime “grande soddisfazione per la delibera della Regione che ha stanziato 700mila euro e il cofinanziamento del Comune di Campobasso per 195mila euro”. Ora la speranza è che i lavori partano al più presto per “ospitare le Nazionali con la programmazione di eventi di livello internazionale”.

Il presidente della Figc Molise, Piero Di Cristinzi, esprime grande soddisfazione e gratitudine per il raggiungimento di un obiettivo auspicato da molto tempo: il recupero e la fruibilità totale dello Stadio di Selvapiana. La delibera della Giunta Regionale del 29 aprile che impegna 700mila euro e il cofinanziamento del Comune di Campobasso per 195mila euro sono fondi che serviranno ai lavori di adeguamento per il recupero definitivo dello stadio con capienza di 16.048 posti a sedere, a norma Uefa.

 

“Sicuramente tale risultato è stato raggiunto grazie ad una concertazione fattiva tra Federazione Regionale – dice Di Cristinzi – che ha svolto il ruolo di coordinare e sollecitare gli enti regionali in modo concreto sia dal punto di vista tecnico sia economico, la Regione Molise e il Comune di Campobasso unitamente alla Federazione Nazionale che ha inserito la nostra Regione in un progetto di attività delle Nazionali con la programmazione di vari eventi di livello internazionale”.

 

Nei diversi incontri, aggiunge il numero uno della Figc molisana, “il filo conduttore è stata la ferma volontà da parte di tutti di ridare alla città di Campobasso, alla comunità molisana, al calcio regionale, nazionale ed internazionale uno stadio funzionale e utilizzabile per eventi calcistici di qualsiasi livello. La risoluzione della problematica va incontro anche alle esigenze della Società Città di Campobasso proiettata verso un ritorno al calcio professionistico”.

 

“Mi corre l’obbligo – conclude Di Cristinzi – di ringraziare la Regione Molise nella persona del Presidente Donato Toma che fin dal momento del suo insediamento ha mostrato grande attenzione alla problematica ma in particolare all’assessore allo Sport Vincenzo Niro che con tenacia ha seguito personalmente in tutti gli incontri interlocutori che si sono avuti, l’iter della vicenda. Un sentito grazie al sindaco Roberto Gravina e all’assessore allo Sport del Comune di Campobasso Luca Praitano, sempre determinati al raggiungimento dell’obiettivo”.