Sindaco di Guglionesi risponde a Odg e Assostampa: “Il nostro non è un ufficio stampa”

Il sindaco di Guglionesi risponde all’Ordine dei Giornalisti e all’Assostampa del Molise che nei giorni scorsi avevano chiesto spiegazioni all’Amministrazione bassomolisana riguardo all’ufficio stampa.

Servizio di Informazione, Assostampa e Ordine Giornalisti scrivono a sindaco Guglionesi

Così il primo cittadino Mario Bellotti: “E’ vero che l’art.9 della Legge nr.150/2000, conferisce alle pubbliche amministrazioni il potere discrezionale in base al quale, qualora lo ritengono utile, possono dotarsi, anche in forma associata, di un ufficio stampa, nel qual caso l’ufficio stesso dev’essere formato da personale iscritto all’albo nazionale dei giornalisti; tuttavia, il Comune di Guglionesi non ha costituito nessun ufficio stampa, quindi, non aveva e non ha nessun obbligo di rivolgersi ad un giornalista iscritto all’Ordine”.

Bellotti spiega che con determina del 24 aprile “è stato conferito l’incarico ad una società locale, con esperienza ventennale nel settore della tecnologia informatica e delle soluzioni tecnologiche per la comunicazione, di curare gli aspetti della comunicazione esterna delle attività istituzionali e degli eventi, delle iniziative nell’ambito delle attività inerenti al programma dell’Amministrazione comunale; nonché l’ammodernamento del sito web istituzionale”.

In sostanza, la Società incaricata trasferisce su una piattaforma appositamente creata chiamata “Guglionesi Comune Informa” il contenuto di e-mail e/o messaggi whatsapp e/o documenti cartacei riguardanti attività o eventi predisposti e redatti direttamente dal Sindaco o da altri Organi amministrativi, senza alcuna successiva elaborazione da parte di altri soggetti”.

Quindi – ribadisce il sindaco – si tratta di un’attività di mera comunicazione all’esterno di dati e notizie inerenti l’Amministrazione, “non essendo ravvisabile, nel caso di specie, quei caratteri di creatività e di originalità, ovvero manca quell’attività di mediazione tra il fatto e la diffusione della notizia che, secondo consolidato orientamento giurisprudenziale, caratterizzano l’attività del giornalista”.

La nota si chiude con la disponibilità – espressa dal Sindaco – di approfondire con l’Ordine l’argomento, anche con un dibattito pubblico.