Rifiuti prima nella busta e poi nel mastello, Giuliani: “Proteggere lavoratori da rischio contagio”

La Giuliani Environment, società che gestisce la raccolta rifiuti per conto dell’Unione dei Comuni del Basso Biferno, ha voluto precisare alcune necessarie modifiche alla gestione del servizio, al fine di tutelare la salute dei propri dipendenti. In particolare l’obbligo di inserire i rifiuti sempre all’interno di una busta prima di porla nel mastello.

Le precisazioni del titolare Giovanni Giuliani giungono dopo “le criticità sollevate da alcuni cittadini dei comuni del basso Molise, in particolare di Campomarino, circa le nostre disposizioni per il conferimento dei rifiuti in appositi sacchetti. Premesso che stiamo attraversando un periodo del tutto particolare, dal punto di vista sanitario, economico e sociale, come azienda operante nel settore dell’igiene urbana e trattamento dei rifiuti, anche in questo periodo di pandemia, abbiamo continuato a svolgere regolarmente il nostro consueto servizio. La nostra attività non rientra tra quelle oggetto di sospensione, per le evidenti problematiche sanitarie ed ambientali connesse al servizio essenziale di raccolta e trattamento dei rifiuti. A tal proposito, colgo l’occasione per fare un plauso ai nostri dipendenti, che svolgono il loro lavoro con professionalità e diligenza, consapevoli dei rischi in cui possono incorrere nello svolgimento dei propri compiti”.

Come detto però, è stato necessario apportare alcune modifiche. “Proprio per tutelare il nostro personale, abbiamo invitato gli utenti del servizio di igiene urbana, a conferire i loro rifiuti nei relativi mastelli, previo inserimento degli stessi in sacchetti.

Abbiamo, fra l’altro precisato, che non occorre necessariamente acquistare sacchetti, potendo utilizzare qualsiasi tipo di imballaggio in plastica di contenimento (ad esempio buste della spesa), purché sia consentito ai nostri operatori di verificarne il contenuto, ad esclusione naturalmente dell’umido, in quanto la normativa prevede l’utilizzo di sacchetti biodegradabili e compostabili di contenimento”.

Secondo Giuliani “la tutela dei lavoratori è essenziale per la nostra azienda, ma anche per gli utenti stessi del servizio di raccolta, in quanto gli operatori ecologici svolgono un’attività importante ed un loro eventuale contagio da Coronavirus Covid-19 e le relative quarantene, potrebbe compromettere lo svolgimento del servizio stesso.

Invito, pertanto, i cittadini a rispettare tali nostre indicazioni, per il bene di tutti, cercando di evitare inutili polemiche.

I nostri operatori avranno un atteggiamento di controllo iniziale più flessibile, soprattutto nei confronti di utenti anziani o di persone disagiate che dovessero conferire i rifiuti senza ottemperare alle disposizioni impartite; a tale riguardo, gli stessi operatori ritireranno ugualmente i mastelli, segnalando la necessità di rispettare per il futuro quanto previsto”.