Portocannone, positivi due familiari del 60enne ricoverato

Ci sono altri due casi positivi da covid-19 a Portocannone, direttamente collegati al primo contagio riscontrato nella giornata di domenica scorsa e relativo al 60enne ricoverato in Terapia Intensiva a Campobasso.

E’ stato il primo cittadino del comune arbereshe Giuseppe Caporicci a comunicare la notizia tramite Facebook riprendendo un posto della pagina del gruppo politico di cui fa parte, ‘Con il cuore per Portocannone-Hora Jone’.

“Pochi minuti fa l’Asrem ha notificato ai famigliari ed agli altri soggetti venuti a contatto con il nostro concittadino risultato positivo al Covid-19, l’esito dei tamponi effettuati lo scorso 12 maggio. I tamponi sono negativi per i soggetti estranei al nucleo famigliare, mentre risultano positivi, in modalità asintomatica, per due dei quattro congiunti conviventi sottoposti all’esame, i quali stanno già osservando tutte le previste misure di quarantena”.

Caporicci ha aggiunto che “d’intesa con gli interessati, sempre nel rispetto della loro privacy, pubblichiamo la notizia con lo scopo di rasserenare la popolazione, giustamente preoccupata dall’eventuale rischio di insorgenza di un possibile “focolaio” in paese.

Il caso accertato pertanto rimane un isolato episodio di contagio, avvenuto con ogni probabilità in ambito sanitario, che si è esteso unicamente ai componenti del nucleo famigliare (fortunatamente non a tutti) per cui, allo stato attuale, non si ritiene necessario adottare ulteriori misure precauzionali restrittive per la popolazione, fermo restando ovviamente il rieiterato invito al rigoroso rispetto delle regole di distanziamento sociale ormai note a tutti”.

Inoltre il sindaco ha fatto sapere che sono stati effettuati i tamponi alla Casa di riposo. “Ieri, a seguito di formale richiesta fatta dal Sindaco alla Asrem con lo scopo di monitorare uno dei punti più sensibili del nostro territorio, è stato disposto il tampone di controllo per tutto il personale della Casa di Riposo Villa Adriatica e per tutti gli ospiti della struttura. Sebbene non siano state sinora segnalate particolari criticità, si è ritenuto opportuno, alla luce della particolare fragilità della fascia di utenza della struttura, fissare un punto di salvaguardia che garantisca l’attuale immunità degli ospiti e di tutti coloro che la frequentano come operatori.

Rivolgiamo infine ancora un pensiero al nostro concittadino che sta lottando contro la malattia in ospedale, a lui ad alla sua famiglia rinnoviamo la vicinanza dell’intera comunità di Portocannone”.