Passeggiate, cibi da asporto, visite, sport: sindaco chiarisce limiti e regole della Fase 2

Lunedì prossimo si allentano le misure restrittive anti-contagio consentendo ai cittadini di uscire per motivazioni diverse da urgenze, lavoro e salute. Francesco Roberti ha realizzato un videomessaggio in cui chiarisce limiti, prescrizioni e invita al buon senso

Il 4 maggio è dietro l’angolo, e la maggior parte dei cittadini “freme” di impazienza, se non altro per la possibilità concessa dal decreto che entra in vigore lunedì prossimo di mettere il naso fuori casa e riprendere in mano almeno qualcuna delle “vecchie” abitudini, come potere andare a fare una passeggiata e incontrare, finalmente, parenti e amici.

Roberti 4 maggio

Ma lo stato di emergenza dovuto al coronavirus non è stato superato, e il sindaco di Termoli Francesco Roberti lo chiarisce in premess nel videomessaggio realizzato per spiegare limiti e regole della cosiddetta Fase 2.

Vediamo i punti principali per la cittadina di Termoli

VISITE

Si potranno incontrare i congiunti e si possono andare a trovare parenti e persone con la quale si ha una relazione di affetto, ma sono esclusi assembramenti, feste, riunioni di gruppo anche all’interno degli appartamenti privati. Il distanziamento sociale deve essere mantenuto e l’utilizzo di dispositivi di protezione, soprattutto dove c’è maggior concentrazione di persone, è vivamente consigliato

 

ATTIVITA’ MOTORIA

Il sindaco chiarisce che ci potrà essere un ritorno al movimento all’aria aperta, ma l’attività motoria dovrà essere fatta individualmente, non a coppie o a gruppetti.  Solo i minori e le persone non autosufficienti possono svolgere attività motoria accompagnati.

BAMBINI

I bambini potranno uscire non potranno frequentare aree gioco, interdette per il rischio contaminazione,  Solo i minori e le persone non autosufficienti possono svolgere attività motoria accompagnate

SPORT

Gli sport sono consentiti ma spetta alle Federazioni regolamentare indirizzi e misure di comportamento per gli allenamenti delle società sportive.

VISITE AGLI ANZIANI

Dopo tanto tempo si potranno incontrare gli anziani nelle rsa e nelle case per anziani, ma seguendo il protocollo della struttura e con l’obbligo dei dispositivi di protezione individuale.

NEGOZI

Restano chiuse le attività commerciali di vendita al dettaglio. Nella Fase 2 sono aperti solo negozi che vendono generi alimentari, farmacie, edicole e tabacchi. Possono funzionare solo i mercati di generi alimentari e resta vietato il consumo di qualunque cibo all’interno e in prossimità delle attività commerciali.

CIBI DA ASPORTO

Dal 4 maggio sarà possibile oltre alal consegna a domicilio di cibo (che già è consentita) anche il cibo da asporto in bar, ristoranti e pizzerie. Funzionerà così: si entra in fila e a distanza, si fa l’ordine, si preleva il cibo da consumare in ufficio o a casa e non ci si può assolutamente fermare fuori dalle attività per consumare ciò che si ha acquistato. Gli stessi esercenti dovranno controllare che ciò non accada, altrimenti si rischia la sospensione della licenza.

PASSEGGIATE

Il Lungomare, il parco, il Corso nazionale, il porto eccetera potranno essere frequentati dai cittadini per passeggiare. Roberti fa appello al buon senso e al “cervello” dei termolesi, chiarendo che prima di intraprendere passeggiate si deve verificare l’affollamento di un posto (se troppo affollato bisogna rinunciare) e se le persone indossano almeno la mascherina. Importante infatti che anche in caso di passeggiata si rispetti il distanziamento sociale. Su questo ci saranno controlli appositi.

SPIAGGIA

Il sindaco è convinto che in estate si possa andare al mare, ma molto dipenderà dal comportamento consapevole dei cittadini stessi, chiamati ora a una sorta di “prova generale” in vista della bella stagione.

 

SECONDE CASE

Il tema è particolarmente sentito a Termoli dal momento che tutto il lungomare è interessato da abitazioni che sono fruibili esclusivamente nella bella stagione. Le disposizioni non sono ancora state fissate e spettano al Governo nell’ambito dei decreti per i cosiddetti spostamenti e vacanze, che non sono ancora stati approntati. Gli scienziati ritengono che i cittadini potranno iniziare a spostarsi da una regione all’altra soltanto quando l’indice di contagio R1 sarà pari a 0,2 praticamente nessun contagio o pochissimi casi isolati e gestibili. Attualmente è consentito andare nelle seconde case soltanto per situazioni di emergenza, dal 4 maggio sarà possibile andarci per visitare i parenti purché si trovino nella stessa regione senza poter rimanere. Ma se non ci saranno picchi dell’epidemia dal 18 maggio o al massimo dalla settimana successiva si dovrebbero autorizzare i trasferimenti nelle seconde case a condizione che si trovino nella stessa regione di residenza.