Quantcast

La Fase 1 dell’emergenza si chiude: in una settimana +25 guariti e -22 positivi. Denunciata la donna uscita mentre era in isolamento

Gli aggiornamenti di Primonumero di domenica 3 maggio: i numeri dell'ultima settimana della Fase 1 testimoniano un netto miglioramento, a parte il 22esimo decesso registrato questa mattina

SETTIMANA CON NUMERI POSITIVI: SOLO 5 NUOVI CONTAGI, SI MOLTIPLICANO I GUARITI

25 guariti in più, positivi scesi di 22, solo un decesso: i numeri dell’ultima settimana di Fase 1

 

QUATTRO CAMPOBASSANI GUARITI UFFICIALMENTE

Dopo la drammatica notizia di questa mattina, quando un’anziana di 85 anni è deceduta dopo aver contratto il covid-19, nel pomeriggio si può tirare un sospiro di sollievo per quattro persone di Campobasso, dichiarate ufficialmente guarite dopo che l’ultimo tampone ha dato esito negativo. E’ quanto si apprende dall’Azienda sanitaria regionale che alle 18, ha diramato un nuovo bollettino che conferma il calo del contagio.

Oggi, 3 maggio, alla vigilia della fase due sono stati processati 249 tamponi, tutti risultati negativi. Attualmente sono positive 178 persone.

tabella asrem 3 maggio covid

Questo l’ultimo bollettino dell’Asrem: 

– 178 i casi attualmente positivi
– 301 sono i tamponi positivi (226 nella provincia di Campobasso, 56 in quella di Isernia e 19 di altre regioni)
– 7057 i tamponi eseguiti di cui 6756 negativi
– All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 9: di questi 8 sono in Malattie Infettive (5 della provincia di Campobasso, 3 di quella di Isernia), 1 sono in Terapia Intensiva (1 della provincia di Isernia)
– Sono 195 i pazienti in isolamento domiciliare (169) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici e clinicamente guariti (26)
– 75 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (55 della provincia di Campobasso, 9 di quella di Isernia e 11 di altre regioni)
– i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzill, sono tutti guariti

22 i pazienti deceduti con Coronavirus (16 della provincia di Campobasso, 4 di quella di Isernia e 2 di altra regione)
– 134 le visite domiciliari effettuate dalle Usca (56 Bojano, 22 Larino e 40 Venafro)
– 343 i soggetti in isolamento e 6 quelli in sorveglianza

 

mappa 3 maggio

QUESTA LA MAPPA AGGIORNATA DEL CONTAGIO (ATTUALE) IN MOLISE

CAMPOBASSO 58 – TERMOLI 20 – CERCEMAGGIORE 16 – BELMONTE DEL SANNIO 13 – AGNONE 8 – ISERNIA 7 –RICCIA 5 – BARANELLO 5 – POGGIO SANNITA 5 – MONTENERO DI BISACCIA 4  – CAMPOCHIARO 3 – FERRAZZANO 2 – VENAFRO 2 – FILIGNANO 2 – LARINO 2 – CAMPOLIETO 2 – MONTAGANO 2 – BOJANO 2 – RIPALIMOSANI 2 – CASTELPETROSO 2 – VINCHIATURO 1 – SCAPOLI 1 – JELSI 1 – SANTA CROCE DI MAGLIANO 1 – SAN GIULIANO DEL SANNIO 1 – PETACCIATO 1 – TORO 1 – CAROVILLI 1 – GUARDIAREGIA 1 – MIRABELLO SANNITICO 1

Generico maggio 2020

FASE 2, TOMA CHIEDE RESPONSABILITA’ AI MOLISANI

Fase 2, Toma chiede responsabilità: “Serve massima collaborazione”

 

DENUNCIATA LA DONNA POSITIVA USCITA SENZA ATTENDERE SECONDO TAMPONE

Va al patronato mentre è in attesa del secondo tampone, indagini concluse: donna denunciata

 

Una notizia drammatica, che desta sconcerto in quest’ultima domenica di lockdown: una delle anziane della casa di riposo ‘Tavola Osca’ di Agnone è deceduta questa mattina, 3 maggio. Aveva 85 anni ed era ricoverata nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Cardarelli di Campobasso dove era stata trasferita per essere sottoposta alle cure del personale sanitario. Oggi il peggioramento delle sue condizioni di salute, fino a quando il suo cuore non ha smesso di battere.

E’ la 22esima vittima provocata dal covid-19 nella nostra regione, che ha provocato decessi soprattutto fra le persone anziane, molte delle quali ospiti nelle case di riposo dove l’Azienda sanitaria regionale ha deciso di aumentare il numero dei tamponi effettuato a pazienti e sanitari per accertare l’eventuale infezione del virus.

La nonnina deceduta oggi, inoltre, era una delle ospiti della ‘Tavola Osca’ di Agnone, di cui si è tanto parlato non solo in Molise ma in tutta Italia (la trasmissione Chi l’ha visto ha dedicato alla vicenda alcuni servizi, ndr) dopo il trasferimento durante la notte tra il 6 e il 7 aprile degli stessi anziani dalla struttura altomolisana all’ospedale Santissimo Rosario di Venafro su decisione dell’Azienda sanitaria regionale.

I titolari della ‘Tavola Osca’ infatti avevano riconsegnato le chiavi della struttura all’Asrem dopo che tutti i tredici anziani ospiti erano risultati positivi al virus. Sulla vicenda sta indagando anche la Procura di Isernia che ipotizza, tra i vari reati, quello di epidemia colposa. Mentre oggi il Molise piange per la drammatica morte della signora di 85 anni. E soprattutto ripiomba nell’incubo dopo giorni in cui si era registrato un trend positivo e un rallentamento del contagio del coronavirus: ieri (2 maggio) si era registrato un solo caso positivo, un’infermiera che presta servizio all’ospedale di Termoli, su 214 tamponi processati.

10 vittime su 22 da case di riposo: il triste bilancio del covid-19