Quantcast

L’ultimo paziente di Terapia Intensiva dimesso. Molise unica regione con il reparto salvavita vuoto

Il neurochirurgo di Filignano lascia il reparto del dottor Flocco e passa in Infettive: per la prima volta da due mesi a questa parte Terapia Intensiva non ha nessun posto occupato da pazienti Covid. Molise prima regione a uscire dall'emergenza clinica.

È stato dimesso questa mattina. Le sue condizioni sono migliorate e il medico di Filignano, ricoverato al Cardarelli di Campobasso lo scorso 18 marzo con infezione da nuovo Coronavirus, è stato trasferito nel reparto di Malattie infettive. Qui aspetterà la guarigione completa, che certamente avverrà dal momento che ora respira da solo e non ha più bisogno del macchinario.

Nella Terapia Intensiva del Cardarelli, il reparto salvavita dove in tutto il Paese tantissimi sono morti e non ce l’hanno fatta, non c’è più nessuno. Il Molise è la regione italiana che oggi, 5 maggio, può vantare un dato per ora unico. Basilicata e Valle d’Aosta, le regioni a basso numero di residenti che in qualche modo possono costituire un paragone con il Molise, si avvicinano a questa soglia con due o tre malati ancora coinvolti da cure intensive.

Per ora quindi il Molise può dichiararsi fuori dall’emergenza almeno sul fronte clinico. Dal punto di vista virologico è invece diverso: gli attuali positivi sono 177.

Ma non accadeva che la Terapia Intensiva fosse Covid free dal 5 marzo, esattamente due mesi fa. Quel giorno nel reparto diretto dall’equipe del dottor Flocco era entrato Gianni Serafini, primario di otorinolaringoiatria.

Sopravvissuto al Covid, la malattia che uccide e ti lascia solo. Il miracolo si chiama sanità pubblica: “Sono ancora vivo perché sono italiano”

Il giorno seguente, 6 marzo, nello stesso reparto aveva fatto il suo ingresso un altro cittadino di Termoli, successivamente deceduto. Da quel momento non è stato registrato nessun giorni senza che il reparto fosse impegnato. E anzi, ci sono stati giorni in cui in Terapia Intensiva erano ben 9 i posti letto occupati, come successo alla fine di marzo.

Progressivamente il reparto si è svuotato passando a 8, 6, 4 posti letto occupati. Infine 2 posti letto per arrivare a 1 solo letto, il 23 aprile scorso.

I due pazienti bergamaschi guariti a Campobasso dal Covid fanno ritorno a casa

 

Da oggi non ce n’è più nessun paziente. “Una notizia che ci piace condividere e diffondere” è il commento del direttore generale Asrem Oreste Florenzano che divide il risultato con gli staff sanitari impegnati in questa battaglia che sta andando avanti da molte settimane. Finora i guariti con doppio tampone sono 76: l’ultima è la dottoressa in servizio al San Timoteo che ieri è stata dichiarata ufficialmente fuori dall’infezione. I ricoverati in malattie infettive sono al momento 11.

 

È attivo il canale Telegram di Primonumero.it. Unisciti al nostro Canale per essere sempre aggiornato sulle news.