Covid, anche il secondo picco è alle spalle. Si abbassa l’indice di contagio, un solo nuovo positivo e 5 guariti

Si sta per chiudere una settimana importante per la nostra regione: nonostante i nuovi focolai, il contagio continua a rallentare. Oggi è stato accertato un solo caso di positività in più: si tratta di un campobassano che vive da solo, l'azienda sanitaria sta ricostruendo la mappa epidemiologica.

Quasi al termine della prima settimana caratterizzata dall’ulteriore alleggerimento delle restrizioni e dalla riapertura di quasi tutte le attività commerciali ed economiche, con il ritorno sul posto di lavoro di numerose persone, in Molise si conferma il calo dei casi di infezione da nuovo coronavirus. 

Mentre l’indice Rt “resta oscillante in tutto il Paese”, si sta per concludere una settimana importante sul fronte dell’emergenza sanitaria, nella quale era atteso un nuovo picco che però non si è verificato. E anche il presidente dell’istituto superiore di sanità, il professore Silvio Brusaferro, in una conferenza stampa ha evidenziato il calo del dell’indice di contagio nelle regioni sotto osservazione come l’Umbria e il Molise. “Ci sono stati dei picchi ma sono subito rientrati”, le sue parole. “Inoltre in Molise l’indice è salito a causa di alcuni episodi isolati come un funerale rom”.

Nonostante ciò, il presidente della Regione Molise Donato Toma potrebbe decidere di prorogare per un’altra settimana l’ordinanza che obbliga alla quarantena chi rientra da fuori. La firma dovrebbe arrivare nelle prossime ore.

SOLO UN POSITIVO IN PIU’

Dai risultati dei 209 tamponi molecolari effettuati e processati nel laboratorio analisi dell’ospedale di Campobasso è emerso un solo caso di positività al Sars-cov-2: si tratta di una persona residente a Campobasso, come comunicato dall’Azienda sanitaria regionale nel bollettino diramato oggi – 23 maggio – alle 18.

Il positivo del capoluogo molisano rilevato nelle ultime ore con tampone è una persona che vive da sola, attualmente non si sa ancora se appartenga ad un cluster noto e come abbia fatto a contrarre l’infezione. L’Asrem sta verificando tali aspetti ricostruendo, come da protocollo, la mappa epidemiologica accertando i contatti avuti dal paziente che ha contratto l’infezione.

Attualmente sono 183 i positivi in totale. Restano più o meno stabili anche i ricoveri all’ospedale Cardarelli: uno degli esponenti della comunità rom che aveva contratto il virus è stato trasferito nel reparto di Malattie Infettive a causa di un peggioramento delle sue condizioni di salute. Sei i malati ricoverati in questo reparto.

Ci sono poi due buone notizie

La prima: cinque persone sono state dichiarate guarite. Tre sono di Campobasso, una di Termoli e l’altra di Montenero di Bisaccia.

La seconda buona notizia è che altri tre rom sono stati dimessi dallo stesso reparto e proseguiranno a casa l’isolamento.

covid molise grafico asrem 23 maggio

 

Il bollettino dell’Asrem

183 i casi attualmente positivi (163 nella provincia di Campobasso, 19 in quella di Isernia e 1 di altre regioni)
– 432 sono i tamponi positivi (355 nella provincia di Campobasso, 58 in quella di Isernia e 19 di altre regioni)
– 13226 i tamponi eseguiti di cui 12319 negativi. 475 i tamponi di controllo
– All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 8: di questi 6 sono in Malattie Infettive (6 della provincia di Campobasso), 2 in Terapia Intensiva (provincia di Campobasso)
– Sono 193 i pazienti in isolamento domiciliare (170) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici e clinicamente guariti (18)
– 209 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (160 della provincia di Campobasso, 33 di quella di Isernia e 16 di altre regioni)
– i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli, sono tutti guariti
– 22 i pazienti deceduti con Coronavirus (16 della provincia di Campobasso, 4 di quella di Isernia e 2 di altra regione)
– 381 le visite domiciliari effettuate dalle Usca (220 Bojano, 48 Larino e 113 Venafro)
– 315 soggetti in isolamento e 0 in sorveglianza

 

QUESTA LA MAPPA AGGIORNATA DEL CONTAGIO IN MOLISE

CAMPOBASSO 114 – TERMOLI 15 – CERCEMAGGIORE 9 – BELMONTE DEL SANNIO 9 – PORTOCANNONE 4 – BARANELLO 4 – ISERNIA 3 – AGNONE 3 – POGGIO SANNITA 3 – CAMPOCHIARO 2 – RICCIA 2 – MONTAGANO 2 – CAMPOLIETO 1 – CASTELLINO DEL BIFERNO 1 – PETACCIATO 1 – RIPALIMOSANI 1 – VINCHIATURO 1 – JELSI 1 – SANTA CROCE DI MAGLIANO 1 – SAN GIULIANO DEL SANNIO 1 – PETRELLA TIFERNINA 1 – GUGLIONESI 1 – SAN MARTINO IN PENSILIS 1 – MONTAQUILA 1

 

UN POSITIVO A MONTAQUILA, IL SINDACO: “PROTOCOLLI RISPETTATI”

Nella giornata di ieri, 22 maggio, si era registrato il primo caso a Montaquila, paese della provincia di Isernia. Il sindaco Marciano Ricci ha voluto quindi rassicurare la popolazione.
“Vi informo che, già dal rientro, il cittadino in questione in via precauzionale, si era posto in quarantena volontaria, rispettando l’intero protocollo.
Il sottoscritto era già stato informato dalla Asremdel rientro e che erano già state attivate tutte le misure atte al monitoraggio sull’obbligo della quarantena, così come per tutti gli altri concittadini rientrati da fuori regione.
L’autorità competente ha effettuato gli esami necessari e la situazione è sotto controllo.
Invito tutti a mantenere la calma e a mantenere alto il senso di responsabilità ricordando, ancora una volta, che il virus non è sparito e che sono sempre vietati gli assembramenti di persone in luoghi pubblici e privati e ricordo a tutti di osservare le regole sul distanziamento sociale nonché quelle in merito all’uso dei dispositivi individuali”.