Chiede di andare in bagno senza mascherina e si becca un cazzotto, arrivano Carabinieri e 118

Il ritorno alla normalità inizia nel peggiore dei modi in un bar del centro di Termoli

Parapiglia in piazzetta, a Termoli il primo giorno di riapertura dei locali pubblici. È accaduto ieri sera, dopo la mezzanotte, quando un avventore che aveva consumato in compagnia di un amico a un tavolino all’esterno di un locale della piazzetta ha chiesto di entrare usufruire del bagno.

Si è avvicinato alla porta d’ingresso senza mascherina sul volto e gli è stato risposto che così non poteva entrare all’interno. Sarebbe stata una normalissima conversazione tra cliente e barista, nella quale il secondo avrebbe avuto ragione, se improvvisamente non si fosse precipitato, quasi correndo, un secondo uomo proveniente dall’interno del bar, che secondo le testimonianze ha sferrato un pugno in pieno volto al cliente, tanto da “spedirlo” a terra.

A quel punto è iniziata una sorta di colluttazione con un secondo cazzotto, e sono state chiamate le forze dell’ordine attraverso il 112. I Carabinieri sono arrivati sul posto per raccogliere le testimonianze fra i pochi presenti in zona. Sull’episodio è stato girato anche un video col telefonino.

In piazzetta è arrivata anche l’ambulanza del 118 che ha accompagnato la persona aggredita in ospedale, dove è stata refertata. L’uomo stamattina è nuovamente tornato in ospedale per problemi a un occhio, conseguenza delle botte. Una serata di nervosismo e parapiglia che ha inaugurato nel peggiore dei modi il ritorno alla normalità nella cittadina adriatica. Le indagini sono in corso.