Senzatetto da Milano a Termoli fermato al dormitorio: test sierologico negativo, è in isolamento

L'uomo è stato sistemato nella sede della Misericordia e dovrà rimanerci per 14 giorni

È risultato negativo il test sierologico effettuato nelle scorse ore a Termoli a un senzatetto che era arrivato nei giorni scorsi da Milano e ha cercato riparo nel dormitorio che l’amministrazione comunale ha allestito nella palestra della scuola Schweitzer di via Perrotta. Si tratta di un uomo senza fissa dimora che è stato subito preso in consegna dai volontari della Protezione civile che non gli hanno dato accesso al ricovero per motivi di sicurezza. In un primo momento il comune di Termoli aveva parlato di tampone effettuato, ma in serata ha dovuto rettificare comunicando che all’uomo è stato effettuato un semplice test sierologico per gli anticorpi che non certifica affatto la presenza o meno del covid-19.

“Venuto a conoscenza della situazione – si legge in una nota del Comune -, il sindaco Francesco Roberti ha subito messo in moto la macchina organizzativa del Coc, Centro Operativo Comunale, che si è immediatamente attivato. Grazie poi alla disponibilità del consigliere comunale, il dottor Alberto Montano, è stato eseguito un test sierologico che è risultato negativo.

Vista però la situazione non si è voluto lasciare nulla al caso e il senza fissa dimora è stato accompagnato in isolamento in una stanza del dormitorio della Misericordia dove trascorrerà i prossimi quattordici giorni.

Il sindaco Roberti ha voluto allestire il dormitorio per i senza tetto proprio per mantenere libera la sede della Misericordia che si rende utile in queste circostanze”.

senzatetto tampone termoli

L’amministrazione comunale intende ringraziare “per la disponibilità e la sensibilità il dottor Alberto Montano e la Confraternita della Misericordia e il suo governatore Romeo Faletra.

Insieme agli altri volontari, la Misericordia sta svolgendo un lavoro egregio sul territorio in questo periodo di piena emergenza a causa del Coronavirus-Covid19.

Non solo assistenza, ma anche la presenza costante di due operatori che offrono supporto ai sanitari nella tenda pneumatica allestita davanti all’ospedale San Timoteo dove ogni giorno vengono assistite innumerevoli persone”.