Un tempo per i ricordi: 6 anni fa il trionfo di Firenze. I Lupi sconfissero il Ponsacco davanti a 700 tifosi

Il Campobasso alzò al cielo la Coppa Italia nazionale d'Eccellenza davanti a una cornice di pubblico da urlo. Di Minadeo, Lazzarini e Vitelli i gol. Un pomeriggio che è rimasto scolpito nella memoria di tutti i tifosi che vissero una giornata d'altri tempi.

Un pomeriggio di passione pura, di adrenalina a mille, di esultanze, tensione, gioia, lacrime, trionfo. Accadeva sei anni fa, la primavera faceva sentire il suo ‘peso’ rispetto a oggi e il Campobasso di Francesco Farina si accingeva a giocare la finalissima di Coppa Italia nazionale d’Eccellenza. Atmosfera da pelle d’oca fin dalle ore che precedevano il match contro il Ponsacco: per la trasferta di Firenze, stadio Buozzi che fu designato per l’occasione, ci si preparò una settimana prima. E si organizzarono dieci pullman. Una trasfertona, insomma.

L’ingresso in campo delle squadre fu salutato da una coreografia e un tifo da urlo su sponda campobassana: in settecento a incitare, da subito, i Lupi che stavano per scrivere una bella pagina di storia rossoblù. In tribuna, oltre ai cronisti molisani, un emozionatissimo Giulio Perrucci, all’epoca presidente. Presente anche il numero uno della Figc Molise, Piero Di Cristinzi, e qualche altro campobassano ‘mimetizzato’ nel pubblico di fede toscana.

Partita palpitante, accompagnata dal caldo fuori stagione. A sbloccarla non poteva che essere il capitano, Antonio Minadeo, che approfittò di un assist di testa di Fazio e, sul filo del fuorigioco, ruppe il ghiaccio andandosi a prendere l’abbraccio sotto al settore dei sostenitori molisani in visibilio. Sull’1-0 si chiuse il primo tempo. Nella ripresa, una bellissima punizione di Pieroni ristabilì la parità. Ma durò poco, perché il Campobasso infilò un uno-due micidiale.

Prima bomber Lazzarini, lanciato a rete, si defilò sulla sinistra prima di castigare il portiere con un diagonale perfido quanto preciso. E poco dopo la galoppata di Ciccio Vitelli valse il tris e il visibilio tra i tifosi rossoblù, compresi quelli della tribuna che zittirono qualche dirigente locale un po’ troppo ‘vispo’. Ci fu ancora da soffrire, perché il 2-3 del Ponsacco riaprì l’incontro. Ma di lì al 94’ non ci fu più nulla da fare: i Lupi alzarono la coppa al cielo e regalarono un pomeriggio indimenticabile ai settecento di Firenze.

Questo il tabellino di una partita storica.

PONSACCO                       2

CAMPOBASSO                 3

PONSACCO: Cappellini, Lici, Giacovelli, Lazzerini, Barsotti (64’ La Bruna), Bortoletti, Tamberi, Doveri, Brega (78’ Balestri), Pieroni, Granito.

ALL.: Lazzini

CAMPOBASSO: Cattenari, Scudieri, Volpecina, Pignataro, Scampamorte, Minadeo, Corradino, Fazio, Lazzarini (85’ Di Lallo), Cianci (74’ Mauriello), Palumbo (50’ Vitelli).

ALL.: Farina

ARBITRO: Donda di Cormons.

MARCATORI: 22’ Minadeo (C), 62’ Pieroni (P), 64’ Lazzarini (C), 67’ Vitelli (C), 71’ Granito (P).