Corre sulla spiaggia, semina agente e viene multato: è il ‘falco’ delle invasioni di campo

Mario Ferri, pescarese ma di Monteroduni da parte di mamma, ha confessato a ‘Le Iene’: “Sì, ero io. Ma non è vero che mi è stata fatta una multa di 4mila euro bensì di 400, se la pago entro trenta giorni scenderà a 280”. In passato è stato autore di diversi blitz negli stadi più importanti del mondo. E ha giocato anche nelle serie minori molisani: “Ora milito nel campionato delle Seychelles, siamo ultimi ma il campionato è fermo”.

C’è un video, diventato virale nel giro di qualche ora, che mostra un runner protagonista di una bella corsetta in riva al mare. Quello di Pescara, per la precisione. E subito dopo si vede un agente che cerca di acciuffarlo, vista la violazione commessa in tempo di ‘quarantena generale’. L’atletico ragazzo gli sfugge, ma poi in un secondo momento, lontano dalle telecamere, verrà fermato da una pattuglia della Finanza.

 

Ebbene, si trattava di Mario Ferri, detto il ‘falco’, il protagonista delle più eclatanti invasioni di campo in giro per il mondo. Pescarese, ha origini molisane: la mamma è di Monteroduni e lui è spesso dalle nostre parti. Qualche anno fa ha anche giocato nelle serie minori molisane, dimostrando un discreto talento.

 

Ferri ha confessato: “Sono io il runner del video” ha detto alla trasmissione ‘Le iene’, ammettendo di aver seminato quell’agente ma di essere stato poi braccato: “Ma non è vero, come ho letto, che mi è stata fatta una multa di 4mila euro. Dovrò pagarne 400, e se lo faccio entro 30 giorni l’ammenda scenderà a 280 euro”.

 

E poi ha provato anche a spiegare ‘l’evasione’ da casa: “Sono calciatore, per questo corro. Gioco in Africa, nel Victoria City, nelle Seychelles. Ora il campionato è sospeso anche lì per coronavirus. Siamo ultimi in classifica. Si guadagna come nella nostra serie D, ma ho una casa affacciata su 200 metri di spiaggia, sole dalla mattina alla sera, non so se mi spiego” rivela.

 

Insomma, un personaggio che ama far parlare di sé, in un modo o nell’altro. Molti avranno ancora negli occhi quell’invasione ai Mondiali del 2010 nella finalissima tra Germania e Spagna, o l’immagine di quando mise la sciarpa del Milan al collo di Messi. Insomma, si diverte così…

https://www.youtube.com/watch?v=1xX0Q257bF4