Mascherine, Montenero fa chiarezza con un’ordinanza: “Obbligatoria anche in paese”

Il sindaco ha emanato un ulteriore provvedimento che integra quello della Regione. I dispositivi di sicurezza sono in fase di distribuzione gratuita

Mascherine anche all’interno del paese. Il Comune di Montenero corre ai ripari rispetto all’ambigua ordinanza della Regione Molise che obbliga l’uso delle mascherine per uscire o entrare da Montenero ma non all’interno del paese. Così questa mattina il sindaco Nicola Travaglini ha firmato un’ordinanza sull’utilizzo delle mascherine all’interno del territorio comunale.

Termoli, Montenero e Riccia: mascherina obbligatoria se si entra o esce dai tre comuni, firmate le ordinanze

In sostanza viene ordinato “alle persone fisiche presenti nel territorio del comune di Montenero di Bisaccia legittimate ad uscire per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza, ovvero per motivi di salute, a decorrere dal 6 aprile e fino al 17 aprile 2020 di utilizzare la mascherina, contestualmente ad una puntuale disinfezione delle mani”.

Da ricordare che a Montenero è già partita da qualche giorno la distribuzione gratuita di mascherine. Il Comune ne ha a disposizione 4mila, di cui mille donate dall’azienda Gruppo Tessile Molisano di Montenero.

“Per ciò che concerne la consegna delle mascherine – si legge in una comunicazione Facebook di Travaglini – i volontari dell’Associazione “Odv Cuore Montenero” saranno presenti domani nelle seguenti zone: Via Regina Margherita, Piazza della Libertà, Via Madonna del Carmine, Via Cavour e Via Napoli. I volontari della “Odv di Protezione Civile Montenero di Bisaccia Ets” consegneranno invece a partire dalla rotonda di San Paolo, in zona Bivio, fino alla rotonda che porta alla Casa di Riposo “Villa Santa Maria”, proseguendo su Via Turati e Via De Gasperi, fino all’intersezione con le strade Valle Campanile e Fosso Melanico.

Per quanto concerne la consegna per gli abitanti della Frazione di Montebello, le mascherine saranno recapitate ai rappresentanti della locale Associazione “Torre Violante”, i quali provvederanno a consegnarle nella giornata di domani, martedì 7 aprile e dopodomani 8 aprile.

Montebello

Coloro che abitano alla Marina di Montenero di Bisaccia – Costa Verde, invece, potranno recarsi (sempre da domani martedì 7 aprile), presso il Bar Tabacchi New Coffee Garage, aperto tutti i giorni dalle 8 alle 12,30.

Infine, tutti coloro che abitano nelle contrade, nelle varie zone di campagna, potranno recarsi dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 11 e dalle ore 17 alle ore 19, presso la sede dell’Associazione “Odv Cuore Montenero” in Via Madonna di Bisaccia (nei locali sottostanti all’attuale sede della Polizia Municipale), o presso la sede della “Odv di Protezione Civile Montenero di Bisaccia Ets” in Via Argentieri (ex Scuola di Colle della Speranza)”.

Non è tutto. L’ordinanza dispone inoltre che “in ogni attività esterna autorizzata, oltre all’obbligo di cui sopra, deve comunque essere osservata la distanza di sicurezza di al meno un metro tra le persone. Ai soggetti che presentano sintomi da infezione respiratoria e temperatura corporea superiore a 37,5 °C è prescritto l’obbligo di rimanere presso la propria dimora e contattare il proprio medico curante”.

Travaglini va oltre e impone obblighi anche per chi esce con il proprio cane. “Nel caso di necessità di uscire dalla propria abitazione con l’animale di compagnia, per le necessità fisiologiche dell’animale stesso, oltre ad indossare le mascherine, la persona è obbligata a rimanere nelle immediate vicinanze dell’abitazione in cui ha la propria dimora e comunque a distanza non superiore di 200 metri e nel rispetto della distanza di almeno un metro da altre persone. Sono assolutamente vietati gli assembramenti”.

Importante poi ricordare che “il mancato rispetto delle misure imposte con la presente ordinanza è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da 300 a 4.000 euro”.

Il primo cittadino annuncia inoltre tolleranza zero sui controlli, avendo riscontrato troppa gente in giro. “Sulla base di quanto rilevato negli ultimi giorni e nel pomeriggio di ieri, dove abbiamo constatato purtroppo la presenza in giro di troppe persone, saranno effettuati controlli più rigorosi con l’applicazione, ove fosse ritenuta non veritiera la motivazione per la quale si è in giro in paese, di sanzioni severe.

Un esempio per tutti: abbiamo rilevato l’abbandono di abiti usati, nei pressi degli appositi contenitori utilizzati per la raccolta di indumenti. Nonostante gli avvisi precedenti relativi al fatto che tali tipologie di materiali non potessero essere conferite in questo momento, c’è stato ancora qualcuno che ha pensato di fare il furbo, liberando i propri armadi dalla roba vecchia; ebbene, informo che questo “qualcuno” è stato identificato e sarà sanzionato”.