Impennata di contagi, aumentano i cluster. Positivi operatori di case di riposo e dipendenti di case di cura, sale l’allarme Covid – I NUMERI – L’EMERGENZA

Sabato 4 aprile: la diretta di Primonumero.it sull'emergenza epidemiologica da covid-19 in Molise: fatti, numeri, dichiarazioni.

ORE 23 – NUOVI POSITIVI LEGATI A CLUSTER AGNONE

Man mano che vengono processati altri tamponi, emergono nuovi casi di positività al Covid19 in altoMolise, dove oggi si è imposto all’attenzione il cluster della casa di cura Tavola Osca di Agnone, dove i contagiati tra pazienti e operatori sono oltre 25 accertati. Confermati, nella tarda serata, contagi anche a Forlì del Sannio e Belmonte del Sannio. Cresce l’allarme e i timori per esplosioni di casi negli istituti che si amplificano.

POSITIVA DIPENDENTE DI GEA MEDICA SRL DI ISERNIA

Dipendente di Gea Medica Srl di Isernia positiva al Covid: la conferma della direzione

 

ORE 19.30 – ALTRI 5 POSITIVI DAGLI ULTIMI TAMPONI PROCESSATI

L’avocato Oreste Florenzano, direttore generale Asrem, fornisce un dato aggiornato alle 19 e 30 rispetto a quello del bollettino delle ore 18. Sono 209 i positivi complessivamente su un totale di 1496 tamponi processati. I cinque nuovi contagiati da Covid19 sono 2 della casa residenza di Agnone, uno di Baranello, uno di Termoli e uno di Campobasso.

Infine, dal dg Asrem un auspicio: “E’ opportuno prorogare le misure di contenimento anche a Venafro e Pozzilli, è l’unico modo per contrastare la diffusione del virus”.

 

LA MAPPA AGGIORNATA: 209 POSITIVI, 32 COMUNI CON CONTAGI

CAMPOBASSO 60 – TERMOLI 26 – CERCEMAGGIORE 23 – AGNONE 24 – MONTENERO DI BISACCIA 11 – RICCIA 6 – ISERNIA 6 – POZZILLI 5 – FILIGNANO 4 – VENAFRO 4 – CAMPOCHIARO 3 – MONTAGANO 3 – BARANELLO 4 – BOJANO 2 – RIPALIMOSANI 2 – URURI 2 – MIRABELLO SANNITICO 2 – TORO 2 – PETACCIATO 2 – ROCCAMANDOLFI 1 – CASTELPETROSO 1 – FORLI’ DEL SANNIO 1 – SCAPOLI 1 – CAMPOMARINO 1 – CASTROPIGNANO 1 – PETRELLA TIFERNINA 1 – MONTERODUNI 1 – FERRAZZANO 1 – JELSI 1 – SANTA CROCE DI MAGLIANO 1 – SAN GIULIANO DEL SANNIO 1 – CAMPOLIETO 1

 

Ore 18.45 – CALANO I RICOVERI, MA NON CI SONO ANCORA I DATI DEGLI ULTIMI TAMPONI

La situazione sul fronte dei tamponi rimane identica a quella di metà giornata, con 204 positivi su 1491 test. Ma il motivo risiede nel fatto che si è ancora in attesa del risultato di diversi tamponi effettuati.
La situazione dei ricoveri però registra un ulteriore miglioramento: sono scesi a 5 (erano 6) i pazienti in Terapia Intensiva. Questo perché uno dei due pazienti provenienti da Bergamo è stato dimesso e ricoverato nella cosiddetta terapia subintensiva.

E qui un’altra buona notizia: il paziente di Petacciato che era ricoverato in Malattie Infettive è stato dimesso dal presidio ospedaliero e mandato a casa in isolamento domiciliare.
Per il resto ci sono ancora 22 pazienti nel reparto di Malattie Infettive, il numero è dunque stabile. Da registrare anche 3 guariti ufficiali in più nella giornata odierna. Ora sono 6 e, sommati ai pazienti dimessi perché asintomatici – e dunque in via di guarigione – fanno 24.

Questo il nuovo bollettino della Asrem:
• 1491 tamponi processati di cui 1287 negativi
• 204 sono i tamponi positivi: 154 nella provincia di Campobasso, 40 in quella di Isernia e 10 di persone di fuori regione
• All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 30: di questi 22 sono in Malattie Infettive (20 della provincia di Campobasso e 2 di quella di Isernia), 5 sono in Terapia Intensiva (3 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di Bergamo) e 1 in Terapia Sub intensiva (altre regioni)
• Sono 152 i pazienti in isolamento domiciliare (134) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici (18)
• 3 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (della provincia di Campobasso)
• 9 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli (2 della provincia di Campobasso, 2 di quella di Isernia e 5 di altre regioni)
• 11 i pazienti deceduti con Coronavirus (9 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di altra regione)

mappa e tabella covid molise 4 aprile

 

mappa e tabella covid molise 4 aprile

 

I GRAFICI DI FABIO CASERIO CHE FOTOGRAFANO LA SITUAZIONE CORONAVIRUS IN MOLISE

Per approfondire visita la pagina facebook dedicata

 

Ore 18.30 – CITTADINI IN PIAZZA A MATRICE, IL SINDACO: “ORA TOLLERANZA ZERO”

Il primo cittadino di Matrice, piccolo comune vicino Campobasso, bacchetta i suoi concittadini e annuncia “tolleranza zero”. La reazione dura di Arcangelo Lariccia dopo aver notato alcune persone in piazza, senza mascherina: “La maggioranza dei matriciani, direi il 99 percento, sta osservando e rispettando le regole. E di questo sono orgoglioso e li ringrazio pubblicamente. Poi – scrive in un post su Facebook – ci sono, e mi spiace doverlo ammettere, quei pochi,quei 5/6 “fenomeni” che ogni giorno,puntualmente, li vedi aggirarsi per la piazza senza nessun valido motivo, senza mascherina, a “cazzeggiare”, a parlare tra di loro o a disturbare gli altri,quelli che  hanno un valido motivo per uscire (per la spesa, visita medica). Con queste persone che fanno finta di non capire, che non hanno rispetto per chi osserva le regole e per la salute degli altri, da adesso “tolleranza zero”. I Carabinieri,che ringrazio per il lavoro che stanno svolgendo in questi giorni,hanno aumentato i controlli nel territorio e io stesso sto provvedendo a segnalare loro i nomi di questi soggetti. Ricordo inoltre che adesso le sanzioni sono ancora più elevate. L’invito, a tutti, è quello di restare a casa e uscire solo quando è necessario.Grazie. Colgo l’occasione per augurare alle famiglie,a tutti Voi, una buona domenica delle Palme”.

 

ORE 17 – OBBLIGO DI MASCHERINA ANCHE AD AGNONE. ZONE ROSSE SPECIALI, PROROGATE ORDINANZE PER VENAFRO E POZZILLI

Il Governatore Toma ha firmato l’ordinanza che obbliga i residenti di Agnone a indossare la mascherina quando escono dal Comune e i non residenti a indossare la mascherina quando arrivano ad Agnone, tenendola sul volto per l’intera permanenza sul territorio di Agnone.

E’ la stessa ordinanza che vale per TERMOLI, RICCIA, MONTENERO DI BISACCIA, VENAFRO E POZZILLI, i centri dei cluster del Coid in Molise. proropagate le misure restrittive ulteriori per i centri di Venafro e Pozzilli.

Obbligo di indossare la mascherina anche per chi entra o esce da Agnone

 

Ore 17 – CITTADINO DI ROCCAMANDOLFI RICOVERATO A ISERNIA

C’è un primo caso di Covid a Roccamandolfi. A confermarlo è il sindaco, Giacomo Lombardi: “Ho avuto la comunicazione ufficiale da parte dell’Asrem. Si tratta di un paziente ricoverato presso l’ospedale Veneziale di Isernia già da qualche settimana, che per fortuna sta bene e aveva effettuato qualche settimana fa un tampone che era risultato negativo, mentre poche ore fa è risultato positivo. Il Comune, insieme con l’Asrem, è al lavoro per analizzare e individuare i contatti che il paziente ha avuto negli ultimi giorni”. Il primo cittadino si appella alla collaborazione della cittadinanza: “Questo non cambia nulla: dobbiamo tutti quanti rispettare le regole, uscite solo se strettamente necessario. In questi momenti è fondamentale la lucidità”.

Giacomo Lombardi sindaco Roccamandolfi

 

ORE 16 – IL COMMISSARIO PREFETTIZIO DI AGNONE COMUNICA CIFRE E RICOSTRUZIONE MAPPA EPIDEMIOLOGICA

  • 23 casi positivi legati alla residenza anziani Tavola Osca – ci sono anche operatori e addetti
  • i sintomatici saranno trasferiti al Cardarelli in Infettive, gli asintomatici resteranno nella struttura
  • I negativi (circa 20) saranno trasferiti all’ospedale Caracciolo di Agnone, inseriti nel percorso No Covid

 

23 casi ad Agnone, si ricostruisce la mappa dei contatti. I negativi vanno al Caracciolo

 

ORE 15 – PRIMO CASO DI POSITIVITA’ AL COVID A CASTELPETROSO

Primo caso a Castelpetroso, sindaco chiede di stare a casa

 

OBBLIGO DI MASCHERINE ANCHE PER ENTRARE ED USCIRE DA AGNONE. PROROGATE LE ALTRE ZONE ROSSE 

Il governatore Donato Toma si appresta a firmare una ordinanza per Agnone sul modello di quella varata per Termoli, che obbliga chiunque entri o esca dal comune per comprovati motivi di salute o necessità improrogabili a indossare la mascherina. Un dispositivo di protezione individuale a garanzia di se stessi e degli altri, che ora diventa obbligatorio anche per gli spostamenti relativi al comune di Agnone. La decisione è stata già presa e l’ordinanza sarà firmata nelle prossime ore.

Lo stesso Presidente della Regione sta anche per prorogare le misure restrittive ulteriori rispetto al Decreto Ministeriale che di fatto già rende tutta Italia zona rossa e valide per i comuni di Venafro e Pozzilli, la cui scadenza iniziale era prevista per il 6 aprile. Dunque i divieti e le misure restrittive relative agli spostamenti vengono prorogate almeno per altre due settimane.

 

VICESINDACO BARANELLO POSITIVO AL COVID19, “STA BENE”. IN QUARANTENA SINDACO E DIPENDENTI COMUNALI 

si sono messi in isolamento il sindaco di Baranello Marco Maio, gli amministratori comunali e i dipendenti che negli ultimi giorni hanno avuto contatti diretti con il vicesindaco nonché dipendente della Regione Molise, ricoverato nel reparto di malattie infettive con i sintomi del nuovo coronavirus e risultato positivo al tampone nella tarda serata di ieri, come Primonumero aveva anticipato. Gli amministratori comunali e i dipendenti del Municipio saranno sottoposti a tampone nelle prossime ore.

 

Ore 13.45 – 2 CONTAGIATI IN POCHE ORE ALL’ASSESSORATO AI TRASPORTI

Il primo caso registrato ieri sera, quando è stato ricoverato un dipendente dell’Assessorato ai Trasporti nonchè amministratore al Comune di Baranello. Oggi tra il personale dipendente nel palazzo di viale Elena a Campobasso è stato accertato un nuovo contagio: si tratta di un dirigente di spicco, che avrebbe contratto il virus da un familiare. 

Dirigente della Regione Molise positivo al covid: 59 i casi in città

ORE 12.40 – 23 POSITIVI E NUOVO CLUSTER AD AGNONE

24 positivi nel residence per anziani di Agnone, dove ieri sono stati effettuati tamponi a tutti gli ospiti ricoverati e agli operatori.

Nuovo cluster ad Agnone, infettati 24 tra anziani e operatori del residence Tavola Osca

ORE 12.25 – IMPENNATA DI CONTAGI 

Sono appena stati resi noti dall’azienda sanitaria regionale i risultati dei 97 tamponi processati nel Laboratorio Analisi dell’ospedale Cardarelli di Campobasso. Oggi, 4 aprile, si registra un’impennata di nuovi contagiati da covid-19, soprattutto in provincia di Isernia: 29 le persone positive in più rispetto ai 175 di ieri sera, 24 come detto sono della casa di riposo di Agnone.

Cinque casi appartengono al cluster in provincia di Campobasso (uno è l’amministratore di Baranello di cui avevamo scritto in tarda serata), 24 in provincia di Isernia dove sono stati eseguiti i test molecolari in una casa di riposo di Agnone. Per quanto riguarda le residenze dei nuovi contagiati sarebbero 10 di quella di Campobasso e 19 di quella di Isernia.

 

Questo il nuovo bollettino della Asrem:
• 1491 tamponi processati di cui 1287 negativi
• 204 sono i tamponi positivi: 154 nella provincia di Campobasso, 40 in quella di Isernia e 10 di persone di fuori regione
• All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 30: di questi 22 sono in Malattie Infettive (20 della provincia di Campobasso e 2 di quella di Isernia), 6 sono in Terapia Intensiva (3 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 2 di Bergamo) e 2 in Terapia Sub intensiva (provincia di Campobasso)
• Sono 144 i pazienti in isolamento domiciliare (127) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici (17)
• 6 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (della provincia di Campobasso)
• 9 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli (2 della provincia di Campobasso, 2 di quella di Isernia e 5 di altre regioni)
• 11 i pazienti deceduti con Coronavirus (9 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di altra regione)

tabella asrem 4 aprile

 

TASSO DI LETALITà DELLE REGIONI ITALIANE A CONFRONTO

Il grafico di Fabio Caserio aggiornato ai dati del 3 aprile

tasso letalità covid molise 4 aprile