I carabinieri consegnano il materiale didattico ad un bambino diversamente abile: finalmente potrà studiare

Anche il sorriso di uno studente può dare la forza per andare avanti. Ora potrà riprendere a studiare nonostante la chiusura della propria scuola dopo la chiusure prevista dal governo emesso per arginare il contagio da Covid-19.

Nel tempo dell’e-learning, un alunno diversamente abile della scuola primaria di Guardiaregia non poteva seguire le lezioni a distanza e la sua insegnante, premurosa e dedita all’attività didattica, decide di rivolgersi ai carabinieri per chiedere la consegna a domicilio dei libri e delle lezioni che aveva predisposto.

I militari, che stanno continuando ad effettuare numerosi controlli sulle strade per far rispettare le direttive del governo e contenere la diffusione del coronavirus, non hanno avuto alcuna esitazione e si sono subito adoperati, in un momento difficile ed emergenziale, per garantire il diritto allo studio anche al giovane alunno.

L’inaspettata visita ha riportato il sorriso sul volto del ragazzo.  Sono tantissime le telefonate che arrivano al 112 di Bojano, per segnalare qualche situazione particolare, per un consiglio, per “sfogare” il disagio che stanno vivendo, ma anche per esprimere gratitudine.