Domenica delle Palme, i volontari consegnano il ramoscello d’ulivo benedetto nelle case del paese

Chiuso in una bustina trasparente, con un foglio all’interno per portare una preghiera e parole di conforto, lasciato sulla porta di casa, sulle scale, davanti al portone, nella casella della posta. Il ramoscello di ulivo è entrato nelle case dei cittadini di Guglionesi grazie all’impegno e alla volontà dei volontari.

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha interrotto le celebrazioni liturgiche, o meglio la partecipazione dei fedeli alle messe. Ma oggi, domenica 5 aprile, giornata dedicata alle Palme, la tradizione non si è interrotta e dopo la benedizione del parroco don Stefano Chimisso nella chiesa di Santa Maria Maggiore dove è stata celebrata la messa trasmessa anche in diretta streaming per permettere ai fedeli di partecipare, i volontari della Protezione Civile insieme a quelli dell’associazione Riders moto club Guglionesi e dell’associazione L’altraguglionesi hanno iniziato il “viaggio” in paese per consegnare il ramoscello d’ulivo.

Volontari Guglionesi

Un gesto che ha colpito positivamente la popolazione, è stato apprezzato dai cittadini che nel ricevere il dono hanno ringraziato e regalato un sorriso ai volontari impegnati in questa emergenza per aiutare chiunque.

“Il ramoscello d’ulivo che riceveremo nelle nostre case – ha affermato il parroco del paese – sia quel segno che ci invita a guardare avanti con fiducia. Dio benedica le vostre famiglie”, ha concluso don Stefano Chimisso nel salutare attraverso un messaggio i suoi parrocchiani lontani dai luoghi di culto, ma un modo per sentirli vicini e trasmettere loro la sua vicinanza.

Palme guglionesi