Detenuto pesta a sangue un poliziotto, trasportato in codice rosso al Cardarelli

Due giorni fa un altro ospite della casa di reclusione di via Cavour aveva lanciato del sangue contro gli agenti poi sottoposti ad esami clinici. La denuncia di Aldo Di Giacomo del sindacato di polizia penitenziaria

Situazione fuori controllo nel carcere di Campobasso. L’ultimo drammatico avvenimento riguarda un poliziotto penitenziario trasportato in codice rosso all’ospedale Cardarelli di Campobasso dopo essere stato massacrato da un detenuto che si trovava in infermeria.

La denuncia, forte, arriva da Aldo di Giacomo, rappresentante del sindacato di polizia penitenziaria.

Il poliziotto ricoverato al Cardarelli è stato sottoposto agli esami e alle cure del caso, ne avrà per 30 giorni. Secondo una prima ed ipotetica ricostruzione dell’accaduto pare che il detenuto, alto e grosso, mentre si trovava in infermeria abbia iniziato a dare in escandescenze rivoltandosi contro l’agente che nulla ha potuto per fermarlo.

Quindi è stato pestato a sangue e sono intervenuti gli altri poliziotti a fermarlo, poi la corsa in ambulanza per portare il collega ferito in ospedale.

Soltanto due giorni fa un altro detenuto si era tagliato lanciando il sangue contro due agenti penitenziari che erano intervenuti per soccorrerlo. Questi sono stati portati al Cardarelli e sottoposti a tutti gli accertamenti clinici. “È una situazione sempre più difficile – ha detto Aldo di Giacomo -, sempre più fuori controllo. Sono necessari interventi urgenti a tutela della polizia penitenziaria e della struttura”.

Del resto, di recente, all’interno del carcere di via Cavour si sono registrare rivolte che hanno tenuto in apprensione il personale e l’intera cittadinanza.