Covid, dramma anziani: deceduti 91enne di Campobasso e 80enne di Cercemaggiore

Le ultime due vittime provocate dal virus sono Pasquale Santoro, 91enne del capoluogo, e uno degli ospiti della comunità alloggio di Cercemaggiore, uno dei focolai maggiormente attenzionati dalle autorità sanitarie

E’ una Domenica delle Palme drammatica sul fronte delle vittime provocate dal covid: il Molise piange la tredicesima vittima, un paziente che aveva contratto l’infezione ma non era ricoverato in ospedale. Si tratta di uno degli anziani ospiti della casa di riposo di Cercemaggiore, uno dei focolai maggiormente attenzionati dalle autorità sanitaria.

E’ la terza vittima all’interno della comunità alloggio, dove alla fine di marzo sono risultati positivi al coronavirus una ventina di persone tra anziani ospiti e operatori. Il primo decesso il 26 marzo, quando era venuto a mancare un signore di 92 anni. Poi il 31 marzo la comunità ha pianto la morte di una signora di 83 anni che era ricoverata in Malattie infettive.

Oggi la morte di un altro anziano ottantenne, che non era stato ricoverato al Cardarelli ma era risultato positivo al covid dopo i tamponi effettuati nella struttura del paese. L’uomo soffriva di patologie cardiache pregresse e il virus probabilmente è stato fatale. 

Il decesso dell’anziano di Cercemaggiore avvenuto nella tarda mattinata di oggi è il secondo nel giro di pochissime ore in questa drammatica Domenica delle Palme. Nel nosocomio del capoluogo la scorsa notte ha smesso di battere anche il cuore di Pasquale Santoro, un 91enne di Campobasso ricoverato in Malattie Infettive.

Si aggrava dunque il bilancio dell’emergenza dal punto di vista sia dei nuovi casi accertati sia dei decessi, mentre l’età delle vittime conferma la letalità del virus tra coloro che hanno più di 70 anni. Un dato emerso in tutta Italia e che potrebbe assumere contorni drammatici in una regione come la nostra, dove è anziana gran parte della popolazione.