Quantcast

Commercialista 60enne muore per covid, quarta vittima nel capoluogo

Enzo Cocca si è spento questa mattina - 23 aprile - nel reparto di Terapia Intensiva dove era ricoverato da qualche settimana. E' il quarto decesso provocato dall'infezione nel capoluogo, sotto schok per l'età dell'uomo che era sposato e aveva due figli

È un noto e apprezzato commercialista di Campobasso la ventesima vittima dell’epidemia causata dal covid-19 nella nostra regione. Questa mattina l’uomo, il cui nome era Enzo Cocca, 60 anni, si è spento nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Cardarelli di Campobasso dove era stato ricoverato circa un mese fa dopo aver contratto il virus.

Negli ultimi giorni sembrava che le cure dei medici di Rianimazione stessero facendo effetto e pareva che il quadro clinico fosse in miglioramento. Poi l’improvviso peggioramento delle sue condizioni di salute, fino al decesso di oggi, 23 aprile.

Cocca era sposato e aveva due figli. In città era conosciuto e stimato. Per questo la drammatica notizia non ci ha messo molto a fare il giro di Campobasso destando sgomento e sconcerto anche per l’età della vittima: soli 60 anni.

Nel capoluogo molisano, dove finora si registrano 89 casi di contagio, è la prima persona non anziana che muore dopo aver contratto il covid: prima di Enzo Cocca infatti erano decedute due persone ultraottantenni (una donna di 84 anni originaria di Riccia ma residente in città che ha perso la vita il 18 marzo e un ultraottantenne che è venuto a mancare tre giorni dopo, il 21 marzo) e un uomo di 91 anni. Quest’ultimo si è spento sabato 4 aprile.

Solo pochi giorni fa un altro sessantenne era stato stroncato dall’infezione: Luigi Florio, 61enne di Campomarino, si era spento domenica sera 19 anni.