Cassa integrazione, i fondi non bastano. Mazzuto chiede alla Ministra altri 26 mln

Più informazioni su

Nel pomeriggio di ieri 8 aprile si è tenuta in video-conferenza l’audizione degli Assessori regionali al Lavoro con la Ministro Nunzia Catalfo e con il Presidente dell’INPS Pasquale Tridico, per condividere lo stato di avanzamento delle procedure per concedere la Cassa Integrazione Guadagni in deroga ai lavoratori rimasti senza occupazione a causa della pandemia da covid-19. Per il Molise ha partecipato l’assessore Luigi Mazzuto.

Sono state sottoposte all’attenzione del Ministro una serie di criticità, in particolare riferite alla necessità di ampliare la platea di lavoratori potenzialmente destinatari della misura di sostegno al reddito, di accelerare l’iter delle procedure o la loro applicabilità per alcune categorie di lavoratori e, soprattutto, di ricevere presto altre risorse finanziarie così da soddisfare tutte le istanze di accesso al cassa integrazione.

Per la Regione Molise, l’assessore Luigi Mazzuto ha fatto presente l’attuale limitatezza delle risorse assegnate e disponibili – pari a poco più di 6,2 milioni di euro – rispetto al numero dei potenziali beneficiari e, comunque, alle oltre 6mila istanze finora ricevute. Ha quindi evidenziato che servirebbero ulteriori 26 milioni di euro e ha inoltre sollevato la questione dei lavoratori di micro-attività prevalentemente artigianali, molti dei quali attualmente non iscritti ai cosiddetti Fondi Bilaterali e che quindi, secondo una prassi amministrativa regolamentata dall’INPS, non sembrerebbero poter accedere allo strumento della cassa integrazione ordinaria.

Mazzuto ha infine ribadito l’esigenza di recepire gli emendamenti riguardo allo spostamento della data del 23 febbraio 2020, indicata nell’articolo 22 del decreto, quale termine ultimo di assunzione dei lavoratori che possono usufruire della Cig, chiedendo inoltre di includere fra i beneficiari anche soggetti contrattualizzati con strumenti di lavoro flessibile o stagionale che operano presso i cantieri forestali e di antincendio boschivo, i vivai e i centri tartufigeni direttamente gestiti dalle pubbliche amministrazioni.

Secondo quanto riferisce la struttura dell’Assessorato regionale al Lavoro, la Ministra Catalfo ha comunicato l’intenzione far arrivare una seconda tranche di risorse alle regioni, paventando la possibilità di stanziare nel prossimo “decreto Aprile” ulteriori significative risorse.

Catalfo ha poi invitato i rappresentanti dell’INPS a formalizzare indicazioni puntuali sulle singole questioni emerse durante il confronto. L’Assessore Mazzuto ha quindi provveduto oggi a formalizzare al Ministero del Lavoro le stime di quanto occorre al Molise per avere totale copertura dei lavoratori che chiedono la Cassa Integrazione Guadagni in Deroga.

Più informazioni su