Casa di cura ‘Villa Maria’, le precisazioni della direzione

Più informazioni su

La Direzione Generale della Casa di cura “Villa Maria” di Campobasso ha diffuso una nota per precisare quanto avvenuto nelle ultime ore e “con riferimento a notizie errate e fuorvianti diffuse da alcuni organi di informazione locali” per chiarire e ristabilire la verità dei fatti. Di seguito la nota ufficiale.

“L’ASREM  ha imposto fin dal 12.03.2020 alle strutture private accreditate ‘la sospensione di tutte le attività ambulatoriali e di ricovero, fatte salve le prestazioni ambulatoriali recanti motivazioni di urgenza, nonché quelle di dialisi, di radioterapia e quelle oncologiche -chemioterapiche’. Tale sospensione veniva fissata prima fino al 22.03, poi fino al 03.04 ed infine fino al 13.04.

Avendo avuto richiesta il 18.03.2020 dalla ASREM di disponibilità di posti letto per malati no-covid, ed essendo per questo previsto il riavvio dal 14.04.2020 delle attività di ricovero, poichè quindi la struttura è in stato di massima allerta, come da disposizioni delle autorità sanitarie, è stato effettuato, unica struttura regionale, uno screening clinico immunologico su tutto il personale dell’azienda, il cui esito ha consentito di individuare e segnalare, al momento, due collaboratori amministrativi risultati positivi al covid-19, e attualmente in quarantena a domicilio.

È bene precisare che nessun paziente è coinvolto in quanto la Casa di cura, ripetiamo, da tre settimane non ospita ricoverati e le attività ambulatoriali ordinarie sono sospese e che pertanto nessun sanitario è risultato essere positivo, contrariamente  a quanto comunicato dalla Tgr Molise nell’edizione odierna del telegiornale delle ore 14.00.

E’ del tutto fuori luogo, dunque, parlare di ‘nuovo cluster’, circostanza questa che reca un notevole danno e pregiudizio alla azienda.

E’ altresì in atto la sanificazione di tutti gli ambienti della struttura sanitaria che sarà completata nelle prossime ore, al fine di consentire l’accesso dell’utenza in modo appropriato e secondo standard di massima sicurezza”.

Più informazioni su