Quantcast

Anziani contagiati ad Agnone, esposto Codacons in Procura

In seguito a quanto accaduto nella Residenza per anziani di Agnone, il Codacons ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Isernia per accertare eventuali responsabilità penali a carico dei gestori della struttura nell’assistenza alle persone ospitate al suo interno.

L’associazione nazionale sarà rappresentata dagli avvocati di Campobasso, Massimo Romano e Luca Di Carlo.

“Da notizie di stampa – si legge nella nota dei legali – si è appreso che a partire dal 4 aprile 2020, in seguito ai primi sintomi sospetti e all’esito dei test effettuati mediante tamponi dalla Asrem, è stata registrata la positività dei 13 anziani ospiti della struttura nonché degli operatori lì in servizio (per un totale di 23 contagiati).

La vicenda ha ben presto assunto contorni drammatici allorquando, nella notte tra il 6 ed il 7 aprile, i predetti ospiti sono stati trasferiti, a bordo di autoambulanze attrezzate della Protezione Civile, presso il già dismesso ospedale pubblico “S.S. Rosario” di Venafro, insieme ad altri 5 anziani provenienti dall’ospedale “Vietri” di Larino, anch’essi risultati positivi dopo il trasferimento da una Casa di riposo di Cercemaggiore.

Anziani delle case di riposo finiscono tutti a Venafro: positivi trasferiti al Ss Rosario

L’urgenza dello spostamento, indotta dalla gravità della situazione, è stata confermata anche dal Direttore Generale della Asrem, Oreste Florenzano, con un’intervista rilasciata il 6 aprile, secondo il quale i gestori della Casa di riposo privata di Agnone non avrebbero provveduto, “anche per mancanza di volontà”,  ad attrezzarsi per garantire agli ospiti sia la necessaria e dovuta assistenza che le condizioni adeguate al caso, prefigurando una condotta connotata se del caso da matrice dolosa, che il Codacons chiede alla Procura di accertare tempestivamente, anche per l’adozione dei provvedimenti conseguenti”.

“Risulta infatti – aggiunge il Codacons – che la società che gestisce la Residenza è titolare di autorizzazione sanitaria rilasciata dal Commissario ad Acta per 30 posti letto destinati all’assistenza degli anziani, con conseguente assoggettamento ai poteri di verifica e controllo dell’Azienda sanitaria.

L’iniziativa del Codacons si iscrive in una più ampia campagna nazionale a tutela degli anziani nella quale l’Associazione ha ipotizzato la fattispecie di omicidio colposo plurimo per le migliaia di loro mandati al macello, come emerso in numerosi casi di cronaca nera di questi giorni”.

 

 

Più informazioni su