Aiuti a famiglie e imprese, il centrosinistra si appella ai 5 Emendamenti: “Tagliamoci tutti lo stipendio”

In una conferenza stampa realizzata sulla piattaforma Zoom, strumento finora inedito per il Comune di Termoli, i consiglieri del Pd e VotaxTe hanno illustrato i cinque emendamenti al Bilancio che presenteranno al prossimo Consiglio comunale per trovare fondi a favore di famiglie in difficoltà e imprese in crisi, nonché per dare dispositivi di protezione a tutti

Cinque emendamenti nei quali il centrosinistra indica una strada per trovare le risorse necessarie a dare subito un aiuto a chi è particolarmente in difficoltà, sia famiglie che imprese. Tagliare le indennità di tutto il consiglio comunale e poi anche della Giunta del 40 per cento, ad esempio. Oppure esigere dalle ditte che devono fare dei lavori di compensazione che paghino in denaro e non in opere ciò che devono al Comune.

Sono alcuni degli esempi portati dai quattro consiglieri di centrosinistra al Comune di Termoli, gli esponenti dell’opposizione Angelo Sbrocca, Andrea Casolino, Manuela Vigilante e Oscar Scurti. L’hanno fatto nel pomeriggio di venerdì 30 aprile con uno strumento fin qui inedito ma che molti stanno imparando a usare, la piattaforma Zoom. Quindi una conferenza stampa in video, alla quale hanno potuto partecipare i giornalisti invitati.

“Il bilancio preventivo è stato fatto fra il periodo precedente all’emergenza a quello dell’epidemia in atto e non ci sono voci per questa emergenza” ha chiarito l’ex sindaco Angelo Sbrocca, che ha poi definito “grave l’atto simbolico di riconsegna delle chiavi in Comune da parte di alcuni esercenti. Stanno soffrendo particolarmente, così come tante altre persone che non possono andare al lavoro. Quindi non solo Stato e Regione, ma anche il Comune deve fare la sua parte. Gli emendamenti sono tutti riferiti all’emergenza covid per famiglie, imprese, fasce più deboli. Speriamo che la maggioranza non faccia giochetti politici su una inammissibilità che è inesistente”.

Quindi i consiglieri hanno presentato le proposte nel dettaglio, a cominciare da Andrea Casolino. “Il primo emendamento è pensato per le attività sportive, dato che non ci sono voci a bilancio per lo sport che pure è una priorità per il benessere, l’economia e il lavoro. Chiederemo di rimpinguare i capitoli di sport per aiutare nella riapertura le attività”.

Manuela Vigilante ha invece parlato della proposta di tagliare gli ‘stipendi’ dei consiglieri comunali. “Nell’ottica di offrire un aiuto ai termolesi, richiediamo la decurtazione del 40% delle somme destinate ai gettoni di presenza di consiglieri e Presidente del Consiglio. Si tratta di 60mila euro che potrebbero essere destinati alle famiglie, tramite le Politiche sociali e per provvedere all’acquisto di guanti, mascherine, gel igienizzanti da consegnare alle famiglie residenti a Termoli”.

Oltre a questo emendamento, la minoranza di centrosinistra presenterà una mozione per chiedere al sindaco e alla Giunta comunale di fare lo stesso. Le indennità da decurtare sarebbero quelle ancora da percepire per tutto il 2020.

Il terzo emendamento è invece pensato per le famiglie bisognose. “Dato che siamo a maggio e al momento non ci sono state le assunzioni di personale preventivate – ha affermato Oscar Scurti – chiederemo che gli 80mila euro previsti per le assunzioni vengano destinati ad aiuti economici per le famiglie bisognose tramite un fondo per il disagio economico, oppure a favore di persone diversamente abili o per il sostegno ai canoni di locazione”. Secondo il centrosinistra le assunzioni andrebbero scalate al 2021.

Infine due emendamenti legati a oneri di urbanizzazione che delle ditte devono realizzare per conto del Comune e che sono state inserite nel Piano triennale delle opere pubbliche. La prima è la realizzazione di “due strade a Colle della Torre, cioè via Saba e via Ungaretti. Va bene rifare le strade – ha dichiarato Angelo Sbrocca -, ma adesso ci sono impellenze diverse, come le piccole imprese che sono in emergenza. C’è un bisogno estremo e giornalmente sentiamo imprenditori che non hanno una prospettiva futura. Non vogliamo che si creino nuovi poveri, ma che le imprese continuino le loro attività”.

conferenza centrosinistra zoom

Per questo secondo l’ex sindaco i 300mila euro preventivati per rifare via Ungaretti e via Saba andrebbero utilizzati per le imprese. “Su come fare siamo disposti a dare dei suggerimenti alla maggioranza qualora ci venisse chiesto”.

L’ultimo emendamento, sempre relativo a oneri di urbanizzazione, riguarda i 378mila euro previsti per rimettere a nuovo via Mediterraneo. “Da quanto sappiamo non c’è ancora una convenzione con la ditta. Chiediamo quindi che il Comune chieda di avere il denaro invece dell’opera”.

Denaro che per il centrosinistra andrebbe messo a disposizione delle imprese del turismo. “Settore assolutamente fermo, ci sono aziende che non hanno prenotazioni nemmeno per luglio e agosto, nonostante si possa prenotare senza penale per la disdetta. Il Comune deve dare loro dei contributi affinché possano vedere un futuro anche per il 2021. Anche in questo caso siamo disponibili per fornire idee su che tipo di contributo il Comune potrebbe fornire”. La possibilità di fare modifiche al bilancio di questo tipo, secondo quanto detto da Sbrocca, è prevista nel decreto ‘Cura Italia’.

Sbrocca ha quindi concluso: “Crediamo che i cinque emendamenti possano essere accolti a favore di famiglie, imprese e più deboli. Queste categorie hanno bisogno di liquidità. Si può agevolarle con contributo su affitti o su imposte locali, purché si dia un contributo”.