2 casi di Covid, Villa Maria riapre martedì dopo la sanificazione. La direzione: “Situazione sotto controllo”

Più informazioni su

Villa Maria, la clinica privata ma accreditata al servizio sanitario nazionale di Campobasso, registra due casi di positività al Covid19. Due certi, e ci sarebbe un terzo in realtà ancora dubbio perché in attesa di conferma del secondo tampone. Il rischio di diffusione del virus tra i pazienti non esiste, come spiega la direzione: “Siamo chiusi da settimane al pubblico, le prestazioni sanitarie non vengono erogate dal 12 marzo secondo quanto disposto dai decreti ministeriali”.

La struttura tuttavia, considerata uno dei presidi sanitari privati inseriti nel Piano di riorganizzazione di Regione e Asrem per la gestione dell’emergenza Nuovo Coronavirus, dovrebbe riaprire martedì per tornare a fornire servizi assistenziali e ambulatoriali. “Naturalmente – chiarisce Baranello, manager di Villa Maria – si procederà alla sanificazione completa, cosa che peraltro era stata già prevista”.

La “scoperta dei due casi di positività fra i dipendenti è avvenuta in seguito alla mappatura che la direzione sanitaria ha deciso di effettuare su tutto il personale – circa 50 dipendenti – “per ragioni precauzionali e in vista della riapertura prevista per martedì 14 aprile” chiarisce Baranello. Il personale è stato sottoposto a test sierologici (quelli rapidi, che rilevano gli anticorpi) e i tre casi “sospetti” ieri hanno effettuato il tampone orofaringeo, che rispetto al test veloce ha una affidabilità di gran lunga superiore e fotografa l’infezione, cioè la presenza effettiva del virus, oltre alla anomalia degli anticorpi.

Per due il tampone ha dato esito positivo, per un altro invece negativo “ma sarà ripetuto a breve per conferma”. Nel frattempo lo screening sierologico prosegue anche sugli altri. Dovrebbe terminare domani.

Più informazioni su