I numeri del Covid salgono ancora. Positivo medico del Pronto Soccorso di Isernia: è il 160esimo contagiato – L’EMERGENZA – I NUMERI

I numeri del contagio arrivano a 160: l'ultimo è un dottore in servizio al Pronto Soccorso di Isernia. Veneziale nel caos. Oggi c'è anche una notizia positiva: il primario di Termoli Gianni Serafini è uscito dalla terapia intensiva. La diretta di Primonumero.it dagli ospedali, dalle sedi istituzionali e dal territorio dove si fanno i conti con l'emergenza Coronavirus. Numeri, informazioni, tamponi, ricoveri e soprattutto mappa epidemiologica

ORE 23.15 – MEDICO DEL PRONTO SOCCORSO DI ISERNIA POSITIVO: E’ 160 CASO DI COVID IN MOLISE

Si sta decidendo se chiudere il Pronto Soccorso del Veneziale oppure bonificarlo mantenendolo aperto. L’allerta è scattata, via alla sanificazione dei locali. 

Tampone positivo per medico del Pronto Soccorso di Isernia: reparto in quarantena

 

TRA I NUOVI CASI UN CARABINIERE DI SAN GIULIANO DEL SANNIO: È IL SECONDO MILITARE CONTAGIATO IN MOLISE

C’è un altro militare positivo al Covid19 in Molise. E anche per lui,  come per il collega di Campobasso il cui tampone ha accertato l’infezione seppure senza sintomi, il sospetto è che abbia contratto il virus in servizio. Il nuovo caso emerso oggi a San Giuliano del Sannio riguarda appunto un carabiniere. E’ la prima positività al Covid19 rilevata fra i residenti del piccolo centro in provincia di Campobasso che conta meno di mille abitanti.

Si è appreso inoltre, nelle ultime ore, che l’uomo trovato positivo a Isernia è collegato al cluster del Neuromed, l’Istituto di Pozzilli leader nella riabilitazione neurochirgica dove sono stati trovati complessivamente 10 pazienti positivi. Uno di loro è deceduto al Cardarelli dopo il trasferimento in infettive in condizioni gravi, un altro si trova tuttora al Cardarelli. Gli altri 8 sono al Neuromed, asintomatici e in attesa di venire dichiarati guariti. L’isernino che ha contratto il virus sarebbe un dipendente della struttura, già in quarantena.

 

Ore 18-30 – I 15 CASI DI OGGI, MERCOLEDì 1° APRILE

I nuovi contagi rilevati oggi dalla Asrem su un totale di 85 tamponi processati dal laboratorio di biologia molecolare del Cardarelli sono 15.

8 sono residenti a Campobasso, uno a Isernia, uno a San Giuliano del Sannio, uno a Venafro, 2 a Campochiaro, uno a Toro e uno a Petacciato ma domiciliato a Campobasso. 

Aumentano i positivi, ma aumentano anche i tamponi: l’incognita del “numero occulto”

I GRAFICI DI FABIO CASERIO – 1° APRILE 2020

Per approfondire – Facebook
https://www.facebook.com/pg/covid19molise

Emergenza Corona Virus Molise – Informazioni , Dati e Statistiche

Toma: “Ci avviciniamo al picco”. Misure per micro imprese, partite Iva e commercianti

ORE 18 – I POSITIVI SALGONO A 159. UN PAZIENTE ESCE DALLA TERAPIA INTENSIVA

tabella asrem 1 aprile

Questo il bollettino Asrem delle 18, che segue a quello delle ore 12

1157 di cui 998 negativi
159 sono i tamponi positivi: 139 nella provincia di Campobasso, 10 in quella di Isernia e 9 di persone di fuori regione
• All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 31: di questi 23 sono in Malattie Infettive (22 della provincia di Campobasso e 1 di quella di Isernia), 6 sono in Terapia Intensiva (3 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 2 di Bergamo) e 2 in Terapia Sub intensiva (provincia di Campobasso)
• Sono 108 i pazienti in isolamento domiciliare perchè asintomatici (92) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici (16)
• 3 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (della provincia di Campobasso)
• 9 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli (2 della provincia di Campobasso, 2 di quella di Isernia e 5 di altre regioni)
• 10 i pazienti deceduti con Coronavirus (8 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di altra regione)
• 300 sono i soggetti in isolamento e 34 in sorveglianza.

 

ORE 18: LA MAPPA EPIDEMIOLOGICA AGGIORNATA

Sono saliti a 26 i comuni in cui si registra almeno un caso di positività al Covid19. Si precisa che la mappa diffusa dall’Asrem indica i comuni di residenza dei contagiati. Il più colpito rimane il capoluogo, salito in giornata a 56 casi. Seguono Cercemaggiore a 23 e Termoli con  21 casi. Poi c’è Montenero di Bisaccia, con i suoi 9 casi. Dunque Pozzilli 5 (i soli casi molisani) e Isernia (più 1 dal pomeriggio odierno), Filignano resta a 4. A 3 casi ci sono Montagano e Riccia e Campochiaro (oggi +2).

Con 2 casi ci sono Baranello, Bojano, Ripalimosani, Ururi, Mirabello Sannitico e anche Toro e Petacciato (oggi +1 per entrambi).

1 solo caso si registra a Campomarino, Castropignano, Petrella Tifernina, Monteroduni, Ferrazzano, Jelsi, Santa Croce di Magliano. Da oggi primi casi anche a Venafro e San Giuliano del Sannio.

tabella mappa covid molise 1 aprile coronavirus

 

ORE 17 – PROBLEMI PER CARENZA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE IN ALCUNI REPARTI A CONTATTO CON PAZIENTI COVID

Mancano i dispositivi di protezione, tecnici e infermieri non hanno nemmeno le mascherine antivirus

 

IL PRIMARIO DI OTORINO DI TERMOLI ESCE DA TERAPIA INTENSIVA: APPLAUSI DEL PERSONALE E COMMOZIONE

Il dottor Gianni Serafini, ricoverato in Malattie Infettive con una infezione polmonare da Coronavirus, e successivamente trasferito in Terapia Intensiva per un aggravamento delle sue condizioni, ha lasciato oggi definitivamente il macchinario di ventilazione polmonare. 

Il primario di Otorino lascia Terapia Intensiva, per lui applausi e commozione

 

MONITORAGGIO TAMPONI E RICOSTRUZIONE EPIDEMIOLOGICA: ATTIVATO PROTOCOLLO AVANZATO AL SAN TIMOTEO

Infermieri Cives installano protocollo avanzato per ricostruzione catena epidemiologica – VIDEO

LA NUOVA MAPPA EPIDEMIOLOGICA DEL MOLISE

Sono saliti a 26 i comuni in cui si registra almeno un caso di positività al Covid19. Si precisa che la mappa diffusa dall’Asrem indica i comuni di residenza dei contagiati. Il più colpito rimane il capoluogo, salito in giornata a 56 casi. Seguono Cercemaggiore a 23 e Termoli con 21 casi. Poi c’è Montenero di Bisaccia, con i suoi 9 casi. Dunque Pozzilli 5 (i soli casi molisani), Filignano e Isernia 4. A 3 casi ci sono Montagano e Riccia e Campochiaro (oggi +2).
Con 2 casi ci sono Baranello, Bojano, Ripalimosani, Ururi, Mirabello Sannitico e anche Toro e Petacciato (oggi +1 per entrambi).

Il caso di Petacciato in realtà è quello di un operatore sanitario tornato di recente dall’estero ma che non vive più nel paese adriatico da tempo e risulta domiciliato a Campobasso.
1 solo caso si registra a Campomarino, Castropignano, Petrella Tifernina, Monteroduni, Ferrazzano, Jelsi, Santa Croce di Magliano. Da oggi primi casi anche a Venafro e San Giuliano del Sannio.

 

ore 13.45 – BOOM DI CASI NEL CAPOLUOGO MOLISANO

8 nuovi positivi a Campobasso: metà è legata al cluster 118. Più casi a Toro e Campochiaro

 

Ore 13.30 – DIRETTORE ASREM A LARINO: “NON SARA’ UTILIZZATO COME OSPEDALE COVID”

Dopo Termoli, il vertice dell’Azienda sanitaria regionale ha fatto una ricognizione anche al nosocomio di Larino per capire le reali capacità dal punto di vista sanitario di una struttura chiusa da tempo: “Non sarà un ospedale covid nè potrà ospitare la Terapia intensiva”, ha chiarito Florenzano a Primonumero.

“A Larino ho avuto conferma delle notizie che avevo assunto dalla documentazione in mio possesso e ora sono più sereno rispetto alle determinazioni che abbiamo assunto. Anche l’esame sul luogo – ha aggiunto – ha dato conferma alle informazioni che avevo acquisito in via documentale. L’ospedale di Larino verrà utilizzato, anzi lo stiamo già utilizzando, per le peculiarità che ha in questo momento. Non può essere una struttura covid né di Terapia intensiva, ma è una struttura importante, che possiamo utilizzare”.

 

Ore 13 – IL DIRETTORE GENERALE IN VISITA AL SAN TIMOTEO DI TERMOLI

Una visita per ringraziare i medici, gli infermieri e tutto il personale dell’ospedale San Timoteo di Termoli che si sta prodigando per la gestione dell’emergenza Coronavirus a Termoli, come nel resto delle strutture molisane dove si lavora a ritmi incessanti. Questa mattina il Direttore Generale della Asrem Oreste Florenzano è stato al San Timoteo per portare i suoi ringraziamenti al personale e verifica di persona la situazione in cui si opera.

Ha parlato con i medici, ha preso atto del percorso alternativo realizzato nel Pronto Soccorso e nella medicina d’Urgenza, reparto che è stato diviso in due per consentire di trattare in sicurezza i pazienti con sospetto Covid che vengono sottoposti a tampone all’interno della struttura, come previsto dalla nuova circolare che allarga anche a Termoli e ad Isernia la possibilità di avere un’ala riservata al Covid19. Florenzano ha incontrato i primari di reparto e il direttore sanitario la dottoressa Mariano.

“Non è un caso se ho voluto iniziare da Termoli, per me era doveroso salutare il personale di questo ospedale, da qui abbiamo iniziato la nostra battaglia”, ha dichiarato il dg a Primonumero. “Quindi ci tenevo a salutare le persone che ho conosciuto per telefono e in circostanze molto concitate, quando si è verificato il problema della chiusura. Quindi ho dato un volto e una sostanza alle persone che avevo sentito solo telefonicamente. Ho cercato di essere vicino a loro che sono in prima linea, in particolare al personale del pronto soccorso”.

Test rapidi al Neuromed, anche la Regione si prepara ad acquistarli “Per monitoraggio su popolazione”

Ore 11 – ALTRI 14 CONTAGI, RAGGIUNTA QUOTA 158. 4 PAZIENTI IN PIU’ RICOVERATI IN MALATTIE INFETTIVE

Sono arrivati alla cifra di 1139 i tamponi processati, di questi 981 hanno dato esito negativo. Questo il bollettino dell’Asrem diramato alle ore 11:
• 158 sono i tamponi positivi: 139 nella provincia di Campobasso, 10 in quella di Isernia e 9 di persone di fuori regione
• All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 32: di questi 23 sono in Malattie Infettive (22 della provincia di Campobasso e 1 di quella di Isernia), 8 sono in Terapia Intensiva (5 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 2 di Bergamo) e uno in Terapia Sub intensiva (provincia di Campobasso)
• Sono 104 i pazienti in isolamento domiciliare perchè asintomatici (91) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici (15)
• 3 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (della provincia di Campobasso)
• 9 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli (2 della provincia di Campobasso, 2 di quella di Isernia e 5 di altre regioni)
• 10 i pazienti deceduti con Coronavirus (8 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di altra regione)

tabella contagi 1 aprile ore 11

 

ore 10,30 – MINISTRO ANNUNCIA: “RESTRIZIONI CONFERMATE FINO A PASQUETTA”

Restrizioni confermate fino a Pasquetta, l’annuncio del Ministro della Salute

 

TASSO DI LETALITà DEL COVID NELLE VARIE REGIONI ITALIANE

Il grafico di Fabio Caserio mostra il tasso di letalità grezza, ovvero quella percentuale che mette in rapporto il numero di decessi rispetto al totale dei positivi. In Molise (10 morti) è del 6,25%, inferiore rispetto alla media italiana.

tasso letalità confronto molise italia 31 marzo

 

ore 10 – FAMIGLIE DEL PERSONALE SANITARIO A RISCHIO. “ALBERGHI PER EVITARE CONTAGI”

Destinare un albergo o un’altra struttura ricettiva di Campobasso al personale sanitario dopo il servizio prestato ai pazienti ricoverati per covid-19: è la richiesta che il segretario regionale della Fials (Federazione Italiana autonoma lavoratori sanità) ha indirizzato al presidente della Regione Donato Toma. Nella nota inoltrata anche nelle redazioni giornalistiche Carmine Vasile si fa portavoce della richiesta di molti operatori di restare isolati per non rischiare di contagiare le proprie famiglie e per contrastare il diffondersi del virus. “Al personale sanitario che con generosità e dedizione rischia quotidianamente la propria salute -argomenta il sindacalista – deve essere garantito questo diritto basilare”. Da qui la sollecitazione al presidente della Regione affinché si trovi soluzioni adeguate alla problematica che interessano i sanitari residenti non solo a Campobasso, ma anche nei paesi limitrofi e riguarda anche i neoassunti impegnati nelle corsie a fronteggiare l’emergenza legata all’infezione da coronavirus.

 TAMPONI AGLI OPERATORI SANITARI, FEDERAZIONE MEDICI: “EVITARE CONTAGI”

Il segretario provinciale generale della Federazione Italiana medici di medicina generale, Peppino Licursi, esprime rammarico e disappunto per le decisioni della Asrem di non eseguire il tampone faringeo a tutti i medici di medicina generale, continuità assistenziale e a tutti gli operatori sanitari.

La richiesta era arrivata dopo i numerosi casi di contagio da covid-19 avvenuti anche nella nostra regione a discapito di operatori del 118, medici e operatori delle case di riposo.

Licursi evidenzia poi “la scarsa fornitura di mascherine (attualmente ci viene fornita una ogni 10 giorni) e altro materiale di prevenzione che noi non riusciamo a trovare da nessuna parte dai nostri abituali fornitori”.

Il segretario molisano della Fimmg rimarca come sia “fondamentale che tutti gli operatori sanitari siano in perfetta salute al fine di evitare un diffondersi del contagio tra la popolazione assistita quotidianamente soprattutto tra le persone anziane o disabili delle case di riposo”.

 

ORE 9 – SALITO A 145 NUMERO POSITIVI IN MOLISE: CONTAGIATO UN UOMO DEL VENAFRANO ARRIVATO IN PRONTO SOCCORSO

Ha accusato i sintomi del Covid19 e dopo qualche ora, in seguito al tampone, si è avuta conferma. Un residente nell’area venafrana che ieri pomeriggio è arrivato al Veneziale di Isernia con febbre e tosse è stato trovato positivo al virus ma per fortuna le sue condizioni non sono gravi. Cresce dunque a 145 il numero dei contagi in Molise, mentre si stanno processando altri tamponi così come pure nella notte il laboratorio del Cardarelli ha processato altri test. nella tarda mattinata si dovrebbe conoscere il dato aggiornato.

 

RINFORZI NEGLI OSPEDALI – 22 nuove assunzioni per la guerra contro il Coronavirus

Miracolo negli ospedali, rinforzi per la ‘guerra’ al Covid. 22 assunzioni: 7 medici, 13 infermieri

 

I NUMERI DELL’EMERGENZA AGGIORNATI ALLA SERATA DI MARTEDì 31 MARZO

• 1072 tamponi processati di cui 928 negativi
• 144 sono i tamponi positivi: 126 nella provincia di Campobasso, 9 in quella di Isernia e 9 di persone di fuori regione
• All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 28: di questi 19 sono in Malattie Infettive (tutti della provincia di Campobasso), 8 sono in Terapia Intensiva (5 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 2 di Bergamo) e uno in Terapia Sub intensiva (provincia di Campobasso)
• Sono 94 i pazienti in isolamento domiciliare perchè asintomatici (79) o dimessi dalla struttura ospedaliera in quanto asintomatici (15)
• 3 i pazienti dichiarati ufficialmente guariti (della provincia di Campobasso)
• 9 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli (2 della provincia di Campobasso, 2 di quella di Isernia e 5 di altre regioni)
• 10 i pazienti deceduti con Coronavirus (8 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di altra regione)
• 251 sono i soggetti in isolamento e 91 in sorveglianza