Varchi chiusi, vietato spostarsi dalle proprie città: l’elicottero dei carabinieri controlla Riccia e Montenero

Il dispositivo messo in campo dai carabinieri ha le potenzialità per intercettare buona parte dei trasgressori al Dpcm del 12 marzo 2020 e verificare il rispetto dei blocchi imposti dalla Regione Molise ai comuni di Riccia e Montenero di Bisaccia nel territorio provinciale

Nella volontà di dare piena attuazione alle recenti disposizioni tese a contrastare la diffusione del coronavirus, a partire da Bojano è stato disposto un dispiegamento di carabinieri su tutto il territorio con l’uso non solo di pattuglie su strada ma anche di elicotteri.

Dopo le verifiche nel centro matesino, questa mattina 23 marzo l’elicottero dei carabinieri ha sorvolato invece i comuni di Riccia e Montonero di Bisaccia per accertare il rispetto dei blocchi e quindi l’intensità dell’eventuale traffico in strada. L’elicottero è poi sceso anche verso la città di Campobasso, sorvolando un po’ pure sul capoluogo.

A Bojano invece gli uomini dell’arma in questi giorni sono stati impegnati in diversi posti di controllo vista anche l’intensità del traffico riscontrato.

Controlli sono stati eseguiti anche a Sepino, presso l’area “Prozzo” dove l’elicottero dell’Arma si è fermato anche per una sosta tecnico-operativa di circa 30 minuti. 

Si tratta di capillari servizi di controllo del territorio provinciale per verificare la viabilità primaria e secondaria.

L’attività si protrarrà anche nei prossimi giorni perché ha come scopo primario l’attuazione di un dispositivo di sicurezza teso ad intercettare tutti i contravventori delle disposizioni appena emanate, applicando le sanzioni previste.

Non verrà tralasciato nulla. Anche le strade secondarie, e non soltanto quelle principali, saranno oggetto di specifici controlli.
Il dispositivo messo in campo dalla Compagnia carabinieri di Bojano ha le potenzialità per intercettare buona parte dei trasgressori delle disposizioni dei decreti emanati nelle ultime ore che, appunto, hanno rafforzato le restrizioni impedendo alla popolazione anche di spostarsi da un comune all’altro.