“Nu scim pazz p l’ cavatiell”: domenica alle 15 il flashmob, balconi come lo stadio

E’ l’idea molto simpatica lanciata dal capogruppo del Partito Democratico in Comune e grande tifoso dei Lupi, Giose Trivisonno, per riprendere idealmente il filo conduttore dell’entusiasmo che era tornato a livelli altissimi grazie al Campobasso. E allora, in concomitanza con il fischio d’inizio, tutti alle finestre o sui balconi a cantare a squarciagola.

L’idea è bellissima e sta diventando già virale. Parliamo dell’iniziativa lanciata da Giose Trivisonno, capogruppo in Comune del Partito Democratico ma soprattutto tifoso del Campobasso. E proprio questo è il tema. Ha deciso di lanciare una sorta di flashmob per domenica, alle ore 15 in punto, quando il desiderio è quello di far partire un coro per tutta la città da balconi e finestre. Non un coro qualsiasi ma uno dei più gettonati allo stadio.

 

L’annuncio di Trivisonno su facebook: “Flashmob rossoblù. Idea nata per caso, parlando in chat. Prima di questa emergenza il nostro Campobasso ci stava facendo sognare, un urlo univa tutti noi. Il Covid-19 ha strozzato quell’urlo, rimasto in gola. Domenica alle 15 sarebbe bello se fuori al balcone ognuno di noi intonasse il nostro coro “Nu scim pazz p’l’ cavatiell…”. Un grande coro, tanti tifosi, la nostra città unita contro il Covid”.

Trivisonno  Comune Campobasso

E allora, vale la pena scrivere il testo integrale del coro per chi (pochi) non lo sapesse: “Nu scim pazz p l’ cavatiell, nu piatt chin chin é tracchiulelle, nu sem campuascia, la nord è rossoblù, bvem birra forst e nient chiù… alè alè alè alè alè alè”. Anche così si combatte questo brutto e poco conosciuto virus.      FdS