Monica, mamma-poetessa per la sua bimba: “Nu munn bell te vularria duna’”

C’è sempre il rovescio della medaglia, come in ogni cosa. Anche in questo momento difficile legato all’emergenza sanitaria in atto i primi segnali in tal senso stanno arrivando, giorno dopo giorno. Noi di Primonumero, a cadenza quotidiana, vi proporremo una di queste iniziative di resilienza. Sono anche queste le storie da raccontare, quelle che davvero costituiscono un ‘antivirus’, appunto. Antidoti, intrisi di positività e – in molti casi – di creatività che ci aiuteranno a superare questo terribile incubo

Più informazioni su

Probabilmente questi giorni devono sembrare ‘strani’ anche ai più piccoli. Chiusi in casa. Senza giochi all’aperto, senza poter vedere o abbracciare i nonni e gli amichetti. Senza le carezze degli zii, senza poter ricevere le caramelle dall’anziana vicina di casa.

La pandemia legata al covid-19 ha trasformato la vita di tutti noi: non solo gli anziani, ma anche i bambini piccolissimi forse ora non capiscono perchè, ad esempio, devono lavarsi di più le mani o non possono ricevere il bacio dalla nonna. O perchè la mamma ha timore ha dare loro il bacio della buonanotte. Oppure non comprendono perchè ora, per trascorrere il tempo e non restare incollati solo davanti ai cartoni animati in tv o su You Tube, i genitori li coinvolgono in cucina, a impastare il pane, a mescolare la farina e l’acqua per fare la pizza.

Questo tempo ‘nuovo’ ha ispirato Monica, mamma di Elena, una bimba di undici mesi. E’ alla sua piccola che ha dedicato una poesia in vernacolo campobassano nella quale traspare anche la nostalgia della quotidianità, ma anche dei riti quaresimali della città, quest’anno tutti annullati. La chiesa di Santa Maria della Croce è silenziosa, non risuonano le note dei canti legati al Settenario che Monica, una delle componenti del coro, conosce a menadito. Tutto è fermo, in attesa di una nuova stagione di rinascita che lei si augura arrivi presto nella poesia che di seguito pubblichiamo.

 

Elena z’addorme rente a la cunnelella, l’annazzeche ogni tante, nu poche z’areveglia ma essa è cuntenta …
Nen c’ha capite niente la criatura, de tutta sta iattura ma essa è peccerella e nen le manca niente, forse sule l’affette ‘e le pariente.
Passe u tiempe e nisciune ze n’addona da le Camperelle a Sant’Antuone.
Ze contene l’ore, le menute e le persone ca chesta penetenza è na reclusione.
Belle e buone nu iourne cumme e tante, ce seme chiuse rente pe ne piglia’ u contagio, tra spirite e disinfettante e lavate e mane hanna passa’ assa’ settemane.
C’hanne ritte pure e ave’ pazienza ca de magna e merecine nen remaneme senza, nen ce murime né de fame né de stiente ca ranne l’assistenza pure a le fetiente.
Po’ bastene farina, lievete e ova e panze e palate pure ze ne giova.
Na cosa è certa figlia me, stu fatte strane e stu silenzie d’ore ha remisse tutte quante a u poste lore, famiglie rentre a le case, padre che le figlie a tutte l’ore, e ‘grazie a Di ha separate socere e nore.
Pure le chiese c’hanne chiuse, hanne atturate tutte le pertuse. I me sonne chille banche re ligname tutte mpulverate, le marme fridde, l’addore e ncienze, le cere cunsemate.
Pare ca mo le vere tutte elegante e ncruattate, ngoppe a la navata a canta’ cu cape chinate.
U patemiente de nostro Gesù Criste, che veste stracciate l’eme viste, ca a ogni stazione nciampeca e ncoppe u Calvarie s’arrampeca.
Pare ca mo u sente quill’organe accurdate pronte a darte u là pu Gerico beata, a chella Maronna santa ca nu priame cantanne, che le lacreme all’occhiu du zuchetazu ntunate!
Z’è fermate tutte cose, la fatia, la devuzione pe quille Criste crucefisse ca purtame in processione, addo ce sta u sinneche che cacche assessore che annanze au delore nen tienne chiu’ culore.
L’addore ‘e viole c’adornene u sepolcre sante ce l’ema scurda’ e sunna’ tutte quante!
Ema aspetta’ la stagione figlia me, quanne u sole e u tiempe buone areve’, u tiempe calle pe ce scalla’ l’anema e le spalle !
Tenerte pe mane i voglie, purtarte mieze all’erba e sciure coglie.
Nu munne belle te vularria’ duna’, addo vie e viarelle nen s’hanna chiu’ lava’, asci’ mieze a la chiazza pe uardarce mbaccie, anziane a spasse e le criature mbraccie.
Elena s’addorme rente a la cunnelella, l’annazzeche ogni tante, nu poche s’areveglia ma essa è cuntenta …

 

Segnalaci la tua storia positiva scrivendo un messaggio al numero 342.7494794

Più informazioni su