La cucina ritrovata ai tempi del Coronavirus: tutti ai fornelli in “viaggio” col gusto fotogallery

C’è sempre il rovescio della medaglia, come in ogni cosa. Anche in questo momento difficile legato all’emergenza sanitaria in atto i primi segnali in tal senso stanno arrivando, giorno dopo giorno. Noi di Primonumero, a cadenza quotidiana, vi proporremo una di queste iniziative di resilienza. Sono anche queste le storie da raccontare, quelle che davvero costituiscono un ‘antivirus’, appunto. Antidoti, intrisi di positività e – in molti casi – di creatività che ci aiuteranno a superare questo terribile incubo

Diciamolo pure, costretti a non uscire nelle case ultimamente si avverte un profumo che era diventato sempre più raro: quello della cucina. Pentole che ribollono, coperchi che sbuffano, vetri della cucina appannati, piastrelle raggiunte dalle macchie del sugo lasciato finalmente a bollire qualche ora, fornelli unti e quel caos domestico di cui avevamo dimenticato la spensieratezza, presi dalla necessità di tenere sempre tutto in ordine perché “non c’è tempo”.

Il coronavirus ci ha messi tutti a casa e tutti assieme. Quindi costretti alla vita domestica, ecco che la fantasia finalmente si risveglia. Anche in cucina. E fioccano foto di tavole apparecchiate con tutti i sapori del mondo. Quelli nostrani, ovvio, ma anche quelli d’oltreoceano per “viaggiare” con il profumo delle spezie e con la magia dell’immaginazione.

E così se Manuela e Bianca attingono alla tradizione e alle abitudini salutari cucinando legumi, Andrea e Silvana si spostano in Lombardia con le “cotolette alla milanese”, Francesco sceglie di trasformare la sua tavola come si trovasse al McDonald’s, Giovanni  “azzanna” invece uno sfilatino con salsiccia e caciocavallo. Natalia e Luca cucinano pancake immaginandosi negli Usa.

Antonio viaggia a Napoli con l’immancabile pizza, Daniela sceglie la Toscana con le sue “bocche di lupo”. La piccola Sofia ha ordinato alla mamma zucca e patate.

Ad avere la meglio, stando alle foto che ci avete inviato, è sempre la tavola prettamente molisana, accompagnata da un buon vino rosso, tovaglie colorate e pietanze succulente: verdure gratinate, baccalà e friariell, c’è anche il brodetto di Termoli… Un toccasana per gli occhi, per il palato e per la mente.

Insomma antico o nuovo, poco importa: sughi, spezzatini, brasati, stracotti, minestroni, zuppe, lessi o bolliti, sono loro l’altro antidoto per superare con ottimismo questo momento.

 

Segnalaci la tua storia positiva scrivendo un messaggio al numero 342.7494794