Il coronavirus stoppa le secolari tradizioni molisane: annullate le Carresi 2020

Ufficiali i provvedimenti dei sindaci di San Martino in Pensilis e Portocannone, si attende la decisione pressoché scontata a Ururi

Le Carresi del Molise non si svolgeranno nel 2020. È già ufficiale infatti l’annullamento delle corse dei carri a San Martino in Pensilis e a Portocannone, ma è attesa nelle prossime ore anche l’ufficialità per quanto riguarda Ururi.

I provvedimenti adottati dai rispettivi sindaci erano pressoché scontati a causa del dilagare dell’emergenza coronavirus che sta mettendo a dura prova l’Italia intera e di riflesso anche il Molise. Nelle scorse ore il primo cittadino di San Martino in Pensilis, Gianni Di Matteo, ha emesso un decreto con oggetto ‘Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Annullamento della Carrese del 30 aprile 2020”.

Il sindaco, nel documento che porta la data di oggi 30 marzo, richiama i vari provvedimenti adottati dal Governo per il distanziamento sociale e i divieti di assembramento e di spostamento delle persone che rendono in questo modo impossibile lo svolgimento della tradizione secolare della corsa di carri trainati dai buoi.

carrese-portocannone-2019-152170

Allo stesso modo il primo cittadino di Portocannone ha inviato alle 3 associazione dei carri, Giovani, Giovanotti e Xuventjelvet, una lettera intestata del comune di Portocannone con data 29 marzo.

Anche in questo caso l’oggetto è l’annullamento delle elezioni 2020 della corsa dei carri, chiaramente per gli stessi motivi. Caporicci richiama anche l’annullamento di diverse manifestazioni locali o nazionali e persino il più grande evento sportivo planetario, vale a dire le olimpiadi di Tokyo che sono state rinviate all’estate del 2021.

Carrese Ururi 2019

Come detto, non c’è ancora l’ufficialità per quanto riguarda Ururi, ma è abbastanza scontato che la corsa prevista per il 3 maggio dovrà essere annullata, cancellando di fatto l’edizione 2020 delle Carresi molisane.

In Molise si susseguono quindi gli annullamenti di manifestazioni dalla grande tradizione, prima fra tutte il Corpus Domini di Campobasso che si dovrebbe tenere nel prossimo inverno.

Il Covid19 spegne anche il Corpus Domini: si farà in inverno e sarà un’edizione “contagiata” da baci e abbracci