Dieci i decessi molisani per Covid in 15 giorni di lutto

Più informazioni su

Nella giornata di oggi 31 marzo è salito a 10 il bilancio delle vittime da nuovo Coronavirus in Molise. Il bilancio ufficiale comprende la donna di Guglionesi morta a Chieti ed esclude l’anziano di Sesto Campano morto a Roma, all’istituto Spallanzani. 10 morti su 142 positivi, il tasso di letalità apparente (numero decessi rispetto a numero tamponi positivi) è del 7%.

A perdere la vita oggi una anziana 83enne di Cercemaggiore, il cui cuore ha smesso di battere improvvisamente nel reparto di Malattie Infettive del Cardarelli dove era ricoverata. La donna era legata al cluster della casa di riposo ‘Madre Teresa di Calcutta’, dove diversi tra ospiti ed operatori si sono infettati.

Prima di lei, nella serata del 26 marzo, era deceduto un altro anziano proveniente da quella casa di riposo. In quel caso si è trattato di un uomo di 92anni, sempre ricoverato in Infettive al Cardarelli, ospedale Covid per il Molise.

Il 24 marzo, un tampone post mortem aveva acclarato che un uomo di Montenero di Bisaccia, 80enne, prima di morire aveva contratto il Coronavirus.

Il 21 marzo si è allungata la triste lista con altre due morti. A perdere la vita un altro anziano, un ultraottantenne ricoverato al Cardarelli ma che proveniva da un ricovero in Terapia Intensiva in un’altra struttura. Poco doco la notizia di un’altra morte: un anziano ultraottantenne di Campobasso.

Il 20 marzo è spirata una donna di Monteroduni (prima vittima della provincia di Isernia) di 84anni e ricoverata in Malattie Infettive a Campobasso. Si è aggravata d’improvviso e i medici non hanno potuto far nulla per salvarla.

Prima ancora era morta una donna del capoluogo. Una 84enne originaria di Riccia ma residente a Campobasso, che è morta nell’ospedale Cardarelli (nel reparto di Rianimazione) il 19 marzo.

Sempre  il 19 marzo è deceduta una donna di Guglionesi, un medico di 64 anni, ricoverata però all’ospedale di Chieti. Era già gravemente malata, ma il Coronavirus ha complicato la sua situazione sanitaria.

Il 18 marzo invece aveva lasciato i suoi cari un uomo di Termoli, un 84enne che però non era ricoverato ma febbricitante da qualche giorno. Sul suo corpo è stato effettuato il tampone post mortem che ha chiarito come l’uomo avesse contratto il Covid-19.

La prima persona molisana che – ufficialmente – ha perso la vita ‘con’ il Coronavirus è stato un uomo di 82 anni di Termoli (appartenente al cluster Trentino). Era il 16 marzo.

 

 

Più informazioni su