Coronavirus, nuove regole in chiesa: “Condoglianze vietate, funerali limitati ai parenti”

Nelle chiese della Diocesi di Campobasso-Bojano sarà necessario adottare nuove regole di comportamento, diramate oggi (6 mrzo) dal vescovo Giancarlo Bregantini per contrastare il rischio di contagio da covid-19.

Sulla base delle indicazioni comunicate dalla Conferenza episcopale italiana lo scorso 4 marzo, il presule ha imposto alcune misure straordinarie: in questo periodo è proibito dare le condoglianze in chiesa al termine dei funerali, ai quali potrà partecipare un numero limitato di persone, solo i parenti stretti.

Sospeso inoltre il catechismo in sintonia con le disposizioni relative alla chiusura delle scuole.

Il vescovo poi ricordare che le persone che hanno più di 65 anni potranno restare a casa a seguire in diretta tv la Santa Messa e le altre funzioni religiose organizzate in occasione della Quaresima.

Inoltre restano in vigore tutte le disposizioni già note: vietato l’abbraccio della pace, nelle chiese le acquasantiere dovranno essere svuotate e la comunione distribuita solo sulle mani. Infine, durante le celebrazioni i fedeli dovranno stare a distanza di un metro l’uno dall’altro, rispettando la distanza di un metro fissata dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Per questo, il vescovo suggerisce di aumentare il numero delle messe per consentire ai fedeli di distanziarsi maggiormente all’interno della chiesa.