Consiglieri regionali M5S donano due ventilatori mobili all’Asrem

Garantiranno alle ambulanze la possibilità di intubare immediatamente giovani e anziani che dovessero accusare difficoltà respiratorie.

Più informazioni su

L’Azienda sanitaria regionale avrà a disposizione due ventilatori polmonari mobili per curare i pazienti che hanno difficoltà a respirare per il contagio da Covid-19. L’importante gesto di solidarietà arriva dai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che hanno ‘messo mano’ al portafoglio e acquistato i due apparecchi.

“In un momento di difficoltà per l’intera comunità e l’intero Paese – spiegano gli eletti pentastellati di palazzo d’Aimmo – ci è sembrato doveroso contribuire a modo nostro per sostenere l’Azienda sanitaria regionale e tutti gli operatori. È una iniziativa pensata come dono dell’intera comunità del MoVimento 5 Stelle Molise: attivisti ed eletti”.

Tecnicamente i due dispositivi sono due ventilatori polmonari pneumatici per la ventilazione non invasiva di pazienti adulti e pediatrici, saranno a disposizione dell’Asrem da subito e garantiranno alle ambulanze la possibilità di intubare immediatamente giovani e anziani che dovessero accusare difficoltà respiratorie.

La donazione è frutto di una parte dei soldi accantonati dai portavoce M5S in Consiglio regionale grazie al taglio dei propri stipendi. Prima di fare questa scelta, gli stessi portavoce si sono confrontati con gli operatori e con i dirigenti Asrem per comprendere i loro reali bisogni in questa fase delicata del contrasto al Coronavirus.

“Avendo parlato con gli addetti ai lavori – proseguono i portavoce – abbiamo la certezza che i ventilatori sono qualcosa di utile ora e anche una volta che l’emergenza Coronavirus sarà superata. Ma in questo momento era ed è fondamentale attivarsi subito fornendo risposte concrete e immediate, motivo per cui abbiamo optato per questi dispositivi e non per altri il cui acquisto avrebbe richiesto oltre un mese di attesa. Detto questo – terminano i portavoce M5S – restiamo ovviamente a disposizione dell’Asrem per altre eventuali spese qualora ve ne fosse bisogno, specificando che il nostro piccolo gesto è anche un modo per ribadire a quanti sono in prima linea per il bene comune che in questi giorni difficili non sono soli. Infine ringraziamo tutte le aziende private che hanno voluto contribuire allo stesso modo alla causa”.

Più informazioni su