Quantcast

Addio allo scrittore, architetto e preside Angelo Palladino. Aveva 81 anni

Ha scritto 'Cambuasce mie. Storia, ricordi, rime, canzoni e umorismo' nel 2006. Nel 2018 autore di 'Cambuasce 'ngoppe e 'bbasce'. Molti lo ricordano come preside della 'Enrico D'Ovidio' e come insegnante all'Istituto per Geometri. Legatissimo alla sua città, era nato in via Firenze.

Architetto, scrittore, insegnante, preside. Una vita intensa, non c’è dubbio. Campobasso piange il professore Angelo Palladino, innamorato del dialetto nostrano e descrittore apprezzato dei segreti della città. Se n’è andato a 82 anni. C’è un aspetto che però in queste ore sta venendo fuori attraverso i saluti e i ricordi di tanti che l’hanno conosciuto: la sua gentilezza, la sua bontà d’animo, sempre al primo posto in ogni sua esperienza lavorativa e non.

Era nato in via Firenze, al di qua delle mura del borgo antico di cui ha respirato sensazioni, emozioni, tradizioni. Gli studi a Napoli, dove ha conseguito la laurea in architettura, il ritorno nella sua Campobasso nel 1973: da allora ha svolto la carriera di docente e assieme quella di architetto per poi vincere, nel 1989, il concorso per presidi. E’ stato in diverse scuole del Molise, fino alla ‘Enrico D’Ovidio’ di via Roma, nel suo cuore da bambino. Si farà apprezzare molto da dirigente scolastico della ‘Casa della Scuola’.

Ha insegnato matematica in alcuni istituti della provincia di Napoli oltre che disegno e costruzioni al ‘Geometra’ di Campobasso. Tra l’altro, ha fatto parte di un gruppo di architetti e ingegneri per il piano di recupero di alcuni settori del centro storico.

Da scrittore, ricordiamo ‘Cambuasce mie. Storia, ricordi, rime, canzoni e umorismo’ del 2006. Nel 2018 ha scritto invece ‘Cambuasce ‘ngoppe e ‘bbasce’, che è stato un seguito del primo volume. Ha disquisito molto sui suoni del dialetto, preferendo per esempio la ‘mb’ alla ‘mp’ per lo stesso nome della città, oltre che per tutti i termini in vernacolo. Su questo è aperto un dibattito ancora ampiamente in corso.

Colle Longo

Il 24 marzo, appena tre giorni fa, aveva postato alcune belle foto di contrada Colle Longo superiore innevata. Che volentieri proponiamo.         FdS