Accordo Governo-parti sociali, Federico: “Fiat deve chiudere e sanificare”

Il deputato molisano del M5S Antonio Federico ha commentato con parole positive l’accordo fra Governo e parti sociali per dare più sicurezza sul posto di lavoro nelle fabbriche e prevenire il contagio da Covid-19.

“In questo momento le priorità sono la tutela della salute dei nostri cittadini, il contenimento del contagio e la miglior gestione del nostro sistema sanitario nazionale. Ma abbiamo anche il dovere – scrive Federico – di coniugare contingenze sanitarie e contenimento delle ricadute economiche facilmente prevedibili. Ieri ho seguito direttamente ciò che sta accadendo allo stabilimento Fiat Powertrain di Termoli, dove da questa mattina è iniziato uno sciopero per mancanza di risposte sulla sicurezza dei lavoratori e sulla sanificazione degli ambienti.

Sono convinto che con la collaborazione di tutti, e nel rispetto dell’accordo siglato proprio questa mattina con il Governo, le sacrosante rivendicazioni dei lavoratori avranno tutte le risposte che meritano. Risposte in termini di sanificazione degli ambienti comuni, distanze tra operatori, dispositivi di protezione individuali, controlli medici all’ingresso, riduzione delle produzioni e chiusura dei reparti non indispensabili”.

E ancora secondo Federico: “incentivi al lavoro agile ove possibile, utilizzo di ferie, ma anche garanzia di ammortizzatori sociali adeguati per coprire le ore di mancato lavoro retribuito. Ora, però, mi aspetto che Fiat, così come fatto da altre aziende, chiuda lo stabilimento fin quando non riuscirà ad applicare i contenuti del protocollo e, quindi, a mettere in sicurezza i lavoratori. Se tutti faranno la propria parte sono convinto che ne usciremo più forti di prima”.

Paura del virus in fabbrica, accordo Governo-sindacati-aziende. Denuncia dalla Fis: “Ci negano le mascherine”