A passeggio con le “canne” nelle tasche, tre giovani denunciati per spaccio

La squadra mobile di Campobasso ha denunciato tre giovani detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Si tratta di un 35enne, che nel corso di una perquisizione nella propria abitazione è stato trovato in possesso di circa 320 grammi di marjuana essiccata, nonché di materiale per il confezionamento, un bilancino elettronico e un kit per la coltivazione della marjuana. Tutto il materiale è stato sequestrato e il detentore denunciato a piede libero.

Nel corso, poi, di un controllo stradale in ambito cittadino, sono stati controllati altri tre giovani: Un 28enne, trovato in possesso di circa 70 grammi di marjuana, tre involucri contenenti dosi di stupefacente destinate allo spaccio per 6,5 grammi di marijuana, oltre ad una somma di denaro di oltre 100  euro in banconote dal taglio di 50 e 20, possibile provento dell’attività di spaccio. La successiva perquisizione domiciliare ha portato a rinvenire quasi un grammo e mezzo di hashish, oltre a bustine per il confezionamento in dosi della droga, un coltello intriso di hashish ed utilizzato per il taglio del panetto.

L’altro giovane di 24 anni perquisito sul posto, è stato, invece, trovato in possesso di oltre tre grammi di hashish che custodiva in una delle tasche del proprio giubbotto. La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire e sequestrare un vasetto contenente cristalli di sostanza stupefacente, un concentrato ed estratto di cannabis del tipo “live resin”, un derivato gelatinoso che potrebbe arrivare ad avere fino a 65 – 95 per cento di Thc, la cui diffusione nel mondo giovanile della tossicodipendenza in generale ed in quella campobassana in particolare, desta attenzione e preoccupazione. Trovato anche un bilancino elettronico di precisione.

I due sono stati, pertanto, denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica. Infine, un terzo ragazzo controllato è stato trovato in possesso di una dose di marjuana e pertanto segnalato quale assuntore alla Prefettura di Campobasso.