61 contagi, 7 morti. Nuove zone rosse, positivo medico di base. Primo caso anche a Campomarino – L’EMERGENZA – I NUMERI

La Diretta di Primonumero.it sull'emergenza coronavirus in Molise. Il bollettino dei contagiati cresce ancora e arriva a quota 61 dopo gli ultimi tamponi di venerdì sera

Ore 23.00 – POSITIVO 60ENNE VOLONTARIO DI ASSOCIAZIONE: PRIMO CASO A CAMPOMARINO

Il coronavirus arriva a Campomarino: positivo un 60enne, è volontario di associazione

 

AUMENTANO CONTAGIATI, MALATI E MORTI. TANTI I SANITARI POSITIVI

Sono aumentati di 11 nuovi casi di positività i numeri del Covid 19 in Molise nell’arco delle ultime 24 ore. Sono 23 invece i tamponi ancora in corso, il cui esito si conoscerà tra stasera e domattina. Aumenta anche il numero dei ricoverati nel reparto di malattie infettive: 15. E continua a essere pesante il bilancio dei sanitari, tra medici e soccorritori, contagiati: almeno 17. Tra loro oggi un medico di base che opera a Vinchiaturo. “Se i medici che hanno avono asintomatici, continueranno a lavorare – ha precisato in serata il Governatore Donato Toma – I familiari e i contatti saranno posti in quarantena, e in realtà lo tanno già facendo. Ma non possiamo perdere una forza essenziale in questo momento come medici, infermieri, soccorritori. D’altronde è così ovunque, lo prevede la norma. I sanitari sono i nostri eroi, li ringrazio”.

“Siamo per entrare nel picco del contagio: ora più che mai bisogna restare a casa, proteggere se stessi e gli altri” ha detto ancora Donato Toma, che ha anche firmato una ordinanza ulteriormente restrittiva per chiudere i comuni di Venafro e Pozzilli in relazione al cluster Neuromed.

 

Ore 19 – IL NUOVO BOLLETTINO

  • 519 tamponi processati di cui 445 negativi
  • 61 sono i tamponi positivi: 51 nella provincia di Campobasso, 4 in quella di Isernia e 6 di persone di fuori regione
  • 23 i tamponi in corso di cui non si conosce ancora l’esito
  • All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 21: di questi 15 sono in Malattie Infettive (tutti della provincia di Campobasso), 6 sono in Terapia Intensiva (3 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 2 di Bergamo)
  • Sono 27 i pazienti in isolamento domiciliare perchè asintomatici (20) o dimessi dalla struttura ospedaliera (7)
  • Complessivamente ci sono 241 persone in isolamento e 156 in sorveglianza attiva
  • 8 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli (2 della provincia di Campobasso, 2 di quella di Isernia e 4 di altre regioni)
  • 7 i pazienti deceduti con Coronavirus (5 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 1 di altra regione).

 

MIGLIORA IL MEDICO 61ENNE DI TERMOLI

Sta meglio il medico di Termoli risultato primo contagiato della città adriatica molisana. Rispetto ai primi giorni di ricovero nel reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale Cardarelli di Campobasso, le sue condizioni paiono in deciso miglioramento. L’uomo, 61 anni, è uno dei sei pazienti che sono in Rianimazione nel nosocomio del capoluogo.

 

CAMPOBASSO, RICOVERATO UNO DEI ‘PADRI’ DELL’ATLETICA

Positivo al covid-19, la città si stringe attorno a uno dei ‘padri’ dell’atletica

 

Ore 19 – POSITIVO OPERAIO DITTA DELL’INDOTTO FIAT

Anche il dipendente di una ditta dell’indotto Fiat, la Kuhene Nagel, è risultato positivo al covid-19. L’azienda si occupa dello stoccaggio di materie prime che poi consegna allo stabilimento automobilistico per la lavorazione. Attività dunque sospesa per tutti e 70 gli operai, mentre i sindacati continuano a chiedere lo stop delle fabbriche.

 

Ore 18.30 – POSITIVO MEDICO DI FAMIGLIA DEL MOLISE CENTRALE

 

Medico di famiglia contagiato, allerta nel Molise centrale

 

Ore 16.00 – LINEE TELEFONICHE DI EMERGENZA INTASATE, “NON CHIAMATE PER CASO NEUROMED”

I numeri Asrem servono solo per chi deve comunicare il rientro in Molise. Gli altri devono rivolgersi al proprio medico di base per segnalare contatti a rischio e contatti con il Neuromed di Pozzilli. La Asrem rimprovera i sindaci che hanno fatto gli avvisi: “Ci state mettendo in difficoltà”.

Linee telefoniche intasate: “Chiamate i vostri medici di base, non la Asrem”

 

Ore 14 – AGGIORNAMENTO DATI SU TAMPONI E RICOVERATI

Come ha avuto modo di precisare il Direttore Generale dell’Asrem Oreste Florenzano ai microfoni di Telemolise, i dati aggiornati alla fine della mattinata del 21 marzo sono questi:

– 459 i tamponi processati: di questi 400 sono risultati negativi e 59 positivi

– I ricoverati all’ospedale Cardarelli di Campobasso sono in totale 19: di questi 13 sono in Malattie Infettive e 6 in Terapia Intensiva

– 7 pazienti sono stati invece dimessi ma per la certificazione della guarigione bisognerà attendere l’esito di un contro-tampone. Si tratta di pazienti che, ricoverati dapprima in Malattie Infettive, hanno avuto dei miglioramenti e sono tornate a casa. Nei prossimi giorni si potrà avere il primo numero dei guariti

Termoli, almeno 16 i contagi in città. I tamponi si faranno nella tenda blindata davanti l’ospedale

Ore 12.45 – ALTRA VITTIMA, E’ PADRE DEL MEDICO DEL 118. NUMERI DA STRAGE 

Dopo il paziente campano ospite del Neuromed che era stato trasferito al Cardarelli, si registra un’altra vittima in ospedale con Covid19. Si tratta del papà del medico del 118 in servizio a Riccia. L’anziano, ultraottantenne, viveva a Campobasso, in zona Vazzieri. La conferma della sua morte dai vertici Asrem poco fa. In meno di una settimana sono 7 le vittime in Molise: un bilancio da strage, con un tasso di mortalità dell’infezione che si attesta al 12% su un totale di 60 contagi accertati. Contagi che potrebbero essere molti di più.

Sette morti in pochi giorni, sono più del 10 per cento dei contagiati

 

Ore 13 – CONTROLLI NELLA CASA DI RIPOSO DI CERCEMAGGIORE

Verifiche in corso nella casa di riposo, stabile l’anziano positivo al covid

 

LE GEOGRAFIA DEL CONTAGIO: TERMOLI LA PIU’ COLPITA

La geografia del contagio: Termoli la più colpita, casi in molti paesi

 

LA LISTA DEI MORTI ARRIVA A 6: SONO IL 10 PER CENTO DEI POSITIVI IN REGIONE

https://www.primonumero.it/2020/03/sei-morti-in-pochi-giorni-sono-il-10-per-cento-dei-contagiati/1530602265/

Ore 11.30 – DECEDUTO ANZIANO POSITIVO AL COVID

E’ di pochi minuti fa la notizia di una nuova vittima del coronavirus: si tratta di un anziano con più di 80 anni ricoverato all’ospedale Cardarelli di Campobasso le cui condizioni sono peggiorate nelle ultime ore. Il suo cuore si è fermato stamattina, 21 marzo. E’ il sesto paziente morto con il coronavirus: ieri è deceduta una anziana di Monteroduni, oltre ai due anziani di Termoli (di 82 e 84 anni), una 84enne di Campobasso e una 64enne di Guglionesi.

 

IL CASO NEUROMED FINISCE SUL CORRIERE DELLA SERA

caso neuromed su corsera

“Coronavirus, Neuromed di Pozzilli blidato: 9 casi in poche ore”, titola così oggi il Corriere della Sera. Nell’articolo si parla di numeri del Molise schizzati all’improvviso e della circostanza che su 50 tamponi positivi (in realtà già saliti a 59, ndr) ben 8 sono al Neuromed, la struttura di cura privata (accreditata) che ha sede a Pozzilli.

Il possibile ‘focolaio’ Pozzilli finisce dunque anche sul quotidiano nazionale. 9 casi (di cui uno solo già trasferito al Cardarelli, l’hub Coronavirus per il Molise).

Nell’articolo si parla anche dell’avviso che molti sindaci hanno diramato alla cittadinanza chiedendo di segnalare se negli ultimi 20 giorni ci si è recati al Neuromed.

 

60ENNE PRELEVATO DAL 118 A CAMPOMARINO: SI ATTENDE ESITO DEL TAMPONE

Un uomo di 60 anni è stato prelevato in casa dall’ambulanza del 118 questa mattina a Campomarino. L’uomo accusava sintomi riconducibili al temuto Covid-19, soprattutto febbre alta.

Per questo motivo gli operatori del 118, con tutte le protezioni necessarie da quando è scoppiata l’epidemia, sono stati notati da diverse persone in paese, dove adesso i timori crescono. Al momento però non c’è certezza della positività dell’uomo. L’esito del tampone si dovrebbe conoscere nelle prossime ore.

 

NUOVA IMPENNATA DI CONTAGI: SONO 59

Sono ben 59 alle 8 di sabato 21 marzo i casi di positività riscontrati in Molise. Lo ha confermato il direttore generale Asrem Oreste Florenzano. Le nuove positività, addirittura 9 rispetto al bollettino di ieri sera alle 19, sono emerse in seguito ai 60 tamponi processati proprio nella serata di venerdì.

9 nuovi casi di Covid-19 in poche ore: ora sono 59 in Molise

 

OBBLIGO DI COMUNICARE SE SI è STATI AL NEUROMED

Si susseguono in queste ore gli avvisi da parte dei Comuni, di varie aree del Molise e anche di fuori regione, che chiedono ai cittadini di comunicare se si è stati al Neuromed. Nell’Istituto di cura privata, come ormai noto, sono 8 i pazienti positivi (più uno che è stato già trasferito al Cardarelli di Campobasso) sebbene asintomatici e posti in isolamento.

Vari Sindaci dunque chiedono ai cittadini che per motivi familiari, di lavoro, per visite mediche, ricoveri, visite a degenti si sono recati presso l’Istituto Neuromed di Pozzilli negli ultimi 14 giorni o abbiano avuto contatti con il personale che lavora nello stesso Istituto di cura, di segnalarlo con la massima urgenza ai numeri della Asrem 0874/313000 e 0874/409000, riservati alla emergenza Covid-19, nonchè al Comune di residenza. “In ogni caso, in via prudenziale, si consiglia di mettersi in quarantena volontaria dandone comunicazione riservata al comune”.

 

UN NUOVO CASO A RICCIA

Un nuovo caso di positività al coronavirus accertato nella tarda serata di venerdì 20 marzo a Riccia, il Comune dove è risultato contagiato un medico del 118. A renderlo noto lo stesso sindaco attraverso la pagina Facebook del Comune. Il sindaco Testa ha chiarito che si tratta di una persona già in quarantena.

Sale il numero totale dei positivi in regione con altri 4 contagi riscontrati dai tamponi processati all’ospedale Cardarelli. Si tratta, secondo le prime informazioni che arrivano, di un cittadino di Riccia che era già in quarantena e di tre operatori del 118 di Bojano che sono stati in contatto con il medico del 118 operativo nel Comune ma residente altrove.

 

IL BOLLETTINO DI VENERDÌ 20 MARZO

Aumenta molto il numero degli operatori sanitari contagiati in Molise: sono almeno 14.

Il bilancio aggiornato alle ore 19 del 20 marzo era questo, come comunicato dal Governatore Donato Toma e dal Direttore Generale Asrem Oreste Florenzano:

  • 450 tamponi processati di cui 400 negativi
  • 50 sono i tamponi positivi: 41 nella provincia di Campobasso, 4 in quella di Isernia e 5 di persone di fuori regione
  • All’ospedale Cardarelli di Campobasso i ricoverati sono 20: di questi 14 sono in Malattie Infettive (13 della provincia di Campobasso e 1 da fuori regione), 6 sono in Terapia Intensiva (3 della provincia di Campobasso, 1 di quella di Isernia e 2 di Bergamo)
  • Sono 19 i pazienti in isolamento domiciliare perchè asintomatici o dimessi dalla struttura ospedaliera
  • Complessivamente ci sono 238 in isolamento e 150 in sorveglianza attiva
  • 8 i pazienti positivi ricoverati al Neuromed, struttura privata accreditata di Pozzilli
  • 5 i morti per Coronavirus, l’ultima stamane: una anziana di Monteroduni. Gli altri sono un 82enne di Termoli, una 84enne di Campobasso, un 84enne di Termoli e una 64enne di Guglionesi deceduta ieri a Chieti.

🔴 OCCORRONO FERMEZZA E RESPONSABILITÀ DA PARTE DI TUTTI

Publiée par Donato Toma sur Vendredi 20 mars 2020