Vigili urbani, ci siamo. Arriva il concorso per assumerne 10 a tempo indeterminato

Pubblicato il 31 gennaio sul sito del Comune di Termoli l'avviso pubblico per assumere 10 Agenti di Polizia Municipale a tempo pieno e indeterminato, che fa seguito alle tante proroghe di contratti temporanei

Per molti sarà stata visto come una ‘manna’. Parliamo del concorso, il cui avviso è stato pubblicato il 31 gennaio sul sito del Comune di Termoli, per l’assunzione di 10 Agenti di Polizia Municipale, volgarmente detti ‘Vigili Urbani’.

Una selezione pubblica tanto avocata, stante la carenza massiccia di organico al Comando di Polizia Municipale termolese. Per molto tempo si è andati avanti a suon di proroghe di assunzioni a tempo determinato. Ora invece c’è la selezione pubblica, per titoli ed esami, per essere assunti a tempo pieno ed indeterminato.

C’è da scommetterci che saranno in tanti a provare a farcela. Si tratta di un posto ambito e con tutte le garanzie (tredicesima mensilità, assegni familiari e altre indennità se dovute) previste dal contratto collettivo nazionale per le categorie ‘C’, posizione economica ‘C1’.

La situazione di mancanza di personale dei Vigili Urbani a Termoli è arcinota, e molto spesso si è fatto fronte alle ‘emergenze’ con graduatorie di validità triennale che assicuravano però solo alcuni mesi di lavoro. Ma nella Delibera di Giunta relativa al fabbisogno di personale, l’assunzione di 10 Agenti di Polizia Municipale era messa nero su bianco.

Ora invece il contratto stipulato per i 10 fortunati sarà a tempo indeterminato, con impossibilità di chiedere la mobilità in altri posti prima di aver svolto 3 anni di servizio a Termoli.

municipio-termoli-141477

L’avviso pubblico è stato pubblicato sul sito istituzionale del Comune (qui il link al bando). Dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale c’è tempo 30 giorni per inoltrare la propria candidatura (a mano, con raccomandata o via pec). Sarà nominata una commissione per valutare i candidati, che potranno avere un massimo di 10 punti per i titoli, e dunque il curriculum. Poi ci saranno una prova scritta, una teorico-pratica ed infine quella orale, con possibilità che prima di avviare le prove concorsuali ci sia una preselezione.

Tra i requisiti è richiesta la cittadinanza italiana, il possesso della patente di guida e il Diploma di scuola media superiore di durata quinquennale.

La corsa all’assunzione è partita. E, c’è da giurarci, anche quella alle ‘polemiche’.