Nuovi istituti antisismici o lavori di adeguamento: summit Comune-Regione

Nel nuovo cronoprogramma sono state inserite anche la demolizione e la ricostruzione dell'istituto Montini di via Scarano, chiuso dopo il crollo di un soffitto in un'aula. Questa mattina il governatore Toma e il sindaco Gravina hanno fatto il punto della situazione

C’è un nuovo cronoprogramma sul ‘Sistema scuole sicure, città, mobilità cittadina’, l’Accordo di programma sottoscritto nel 2016 tra Regione Molise e Comune di Campobasso. Quasi 11 milioni di euro da destinare alla sicurezza delle scuole di Campobasso, oggetto durante la scorsa legislatura delle indagini sulla vulnerabilità realizzate dal gruppo di lavoro dell’Università del Molise.

Stamattina – 17 febbraio – palazzo Vitale ha ospitato il summit tra il governatore Donato Toma, il sindaco del capoluogo Roberto Gravina e i tecnici dei due enti.

La riunione è servita a fare il punto della situazione sull’Accordo che si pone come obiettivo la realizzazione e l’adeguamento sismico e funzionale di scuole di competenza del Comune di Campobasso e la riqualificazione della viabilità cittadina a servizio delle stesse”, si legge nella breve nota diramata da via Genova.

Il cronoprogramma stilato sarà in parte modificato: tra gli interventi, oltre alla costruzione di tre nuovi plessi a Vazzieri, al Cep e in via Crispi, sono state inserite  anche la demolizione e la ricostruzione dell’istituto ‘Montini’, chiuso nel 2017 dopo il crollo di un soffitto in un’aula e trasferito nella sede dell’ex Assessorato alle Attività produttive della Regione Molise, un edificio di proprietà privata che si trova nella zona industriale del capoluogo. L’affitto dello stabile viene pagato annualmente dal Comune.

“Con la Regione Molise c’è l’interesse comune a procedere in modo da ottimizzare il più possibile i tempi e le azioni d’intervento – ha dichiarato il sindaco Gravina a margine dell’incontro – Da parte della nostra Amministrazione c’è stato l’impegno a modificare e trasmettere alla Regione quanto ci è stato richiesto, ovvero la definizione di un cronoprogramma degli interventi da compiere con la modifica degli stessi in base alla demolizione e ricostruzione della scuola Montini”.

Dopo l’approvazione del nuovo cronoprogramma da parte della Regione Molise, si entrerà nel vivo della progettazione: i cantieri, stando ad alcune stime, potrebbero essere avviati all’inizio del nuovo anno. 

L’amministrazione comunale di Campobasso ha già prodotto gli studi di fattibilità e con l’Accordo di programma si potrà partire con la progettazione, l’appalto e l’assegnazione dei lavori che hanno come obiettivo la realizzazione e l’adeguamento sismico e funzionale nelle scuole Petrone, via Crispi, via Iezza e del quartiere Cep.