Molisana si laurea all’Accademia delle belle arti ricostruendo il ‘mistero perduto’

Un ‘mistero’ nella storia dei Misteri, le macchine progettate dallo scultore Paolo Saverio di Zinno e che ogni anno sono il fulcro delle celebrazioni legate al Corpus Domini di Campobasso. Gli Ingegni hanno ispirato il lavoro di studio e di ricerca a cui una studentessa molisana – Francesca Tunno – ha dedicato la propria tesi di laurea.

Ieri mattina – 27 febbraio – la ragazza originaria di Mirabello Sannitico ha discusso e presentato il frutto del suo lavoro davanti alla commissione dell’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila dove ha conseguito la laurea.

“Il Mistero Perduto”: questo il titolo della tesi che ha completato il lavoro svolto nel triennio di studio, ossia l’approfondimento sulla storicità della processione. Attraverso lo studio iconografico sono stati dunque creati i presupposti per la realizzazione del 14esimo Mistero di Campobasso.

misteri tesi tunno

Lo studio si basa su una accurata documentazione storico-scientifica: partendo da una bozza originale del Di Zinno, incrociando le informazioni e le testimonianze storiografiche, ha portato alla rielaborazione e progettazione tridimensionale del 14esimo Mistero, “SS Corpo di Cristo”.

Francesca Tunno ha ricostruito, inoltre, il costume di un angelo fotografato dal Trombetta nel 1880 circa: si tratta di un abito realizzato a mano con tessuti pregiati ed autentici, tutti materiali naturali.

La tesi sarà presentata a Campobasso nelle prossime settimane.