Gli studenti dell’Alfano alla maratona-show nazionale di Scienze foto

Più informazioni su

Sabato 8 e domenica 9 febbraio: 24 ore per trovare l’idea risolutiva, una maratona senza sosta tra biologia, fisica, chimica, astronomia e informatica per 40 rappresentative dei licei scientifici di tutta Italia, per il Molise la squadra dell’Istituto Alfano di Termoli: Lorenzo Andreasi, Ettore Basile, Zenone D’Ascenzo e Alessandro Tagliafierro accompagnati dalla professoressa Sonia Fania.

Ha partecipato anche Mattia Votta (14 anni) vincitore della prima prova fra tanti ragazzi delle classi IV e V. Mattia si è confrontato in una prova di astronomia elaborando e risolvendo algoritmi, una materia da lui non ancora studiata nel programma scolastico.

alfano maratona scienze

E’ la prima edizione del “One Day Agorà Science Contest”, gara a carattere nazionale tra 40 team da 4 studenti ciascuno che si sono sfidati nella più grande gara di problem solving nazionale a San Severo presso il Palasport “Falcone-Borsellino”. La competizione, multidisciplinare e non monotematica, ha tema a sorpresa, cioè non noto prima della gara,  è organizzata in forma di show (coinvolge non solo i diretti partecipanti ma anche il grande pubblico che partecipa alla votazione finale).

Giuria d’eccezione per valutare i lavori dei giovani scienziati: prof. Francesco Colotta (Biologia), prof. Valerio Rossi Albertini (Fisica), prof.ssa Patrizia Caraveo (Astronomia), prof. Domenico Laforenza (Informatica) e prof. Vincenzo Barone (Chimica).

alfano maratona scienze

Gli studenti dell’Alfano, che hanno ben figurato nell’ambito dell’informatica alla loro prima prova da maratoneti della scienza, sono entusiasti dell’esperienza e già determinati a partecipare alla prossima edizione.

One Day Agorà Science Contest è un’idea che nasce nell’ambito dell’Associazione Agorà Scienze Biomediche, associazione di promozione sociale da oltre 12 anni impegnata ad individuare e valorizzare le giovani eccellenze, fornendo loro il contesto ambientale e gli strumenti per coltivare le proprie potenzialità (www.scienzebiomediche.it).

Più informazioni su