Fuori dal coma il 40enne colto da infarto mentre faceva jogging

Più informazioni su

Non è più in coma il 40enne campobassano colto da infarto il 15 febbraio scorso mentre si allenava in via Scardocchia. L’uomo è stato risvegliato dalla sedazione profonda in cui era tenuto dai medici della Terapia intensiva dell’ospedale Cardarelli di Campobasso. Si trovava lì dal giorno in cui si è accasciato a terra a causa di una fibrillazione ventricolare che gli ha provocato un arresto cardiocircolatorio. Era arrivato in contrada Tappino in ambulanza, senza documenti e cellulare . Sono stati i familiari a presumere che potesse essergli accaduto qualcosa di brutto non vedendolo rientrare a casa. Una volta giunti al Pronto soccorso hanno scoperto che era ricoverato lì.

In questi dieci giorni di ricovero in Rianimazione si è potuta valutare la ‘sofferenza’ del suo cervello rimasto senza ossigeno per fortuna per un tempo molto breve. Al momento della perdita dei sensi, infatti, il 40enne è stato soccorso da un automobilista che gli ha praticato un primo massaggio cardiaco. Anche i sanitari del 118, accorsi dopo la chiamata di due passanti, sono arrivati in pochissimo tempo: una delle postazioni del servizio si trova in via Toscana a qualche centinaio di metri dalla zona dei licei.

Insomma una buona notizia dopo lo spavento iniziale per questo ragazzo conosciuto nel capoluogo anche per la sua passione sportiva: è un tifoso del Campobasso.

 

Più informazioni su