Clima, animali, libertà, pedofilia, bullismo: debutto in grande stile per il 45° Carnevale di Larino foto

Prima sfilata di carri allegorici oggi nel centro frentano, dove va in scena la 45° edizione del Carnevale di Larino, uno dei 27 Carnevali Storici d’Italia. 8 i “giganti” di cartapesta svelati al pubblico, numeroso e entusiasta.

Il conto alla rovescia è terminato: oggi pomeriggio il 45° carnevale di Larino, uno di 27 carnevali storici d’Italia, ha debuttato lungo le strade del centro frentano, alla presenza di un pubblico entusiasta e ammirato.

I giganti di cartapesta, realizzati con pazienza e cura per i dettagli nel corso di diversi mesi, nei capannoni adibiti alla costruzione dei carri allegorici, non solo non hanno deluso le aspettative ma sono andati ben oltre i pronostici più favorevoli, dimostrandosi capolavori di ingegno e meccanica.

Guarda le foto di NICOLA CAPPELLA

Otto i carri proposti, divisi in due categorie a seconda della grandezza. Diverse le tematiche proposte e concretizzate a seconda della sensibilità, della fantasia e della originalità degli organizzatori e dei maestri cartapestai. Si va dall’attualità a temi evergreen: bullismo, pedofilia, sfruttamento degli animali, inquinamento ambientale, libertà, cultura, passione per la musica e il magico mondo dei bambini.

Un grande plauso all’associazione Larinella – che si occupa dell’organizzazione e promozione dell’evento – e che in collaborazione con il Comune di Larino ha lavorato instancabilmente a questa edizione, che domani – domenica – e il prossimo fine settimana replicherà la sfilata.