Armi nascoste in auto o a casa, scoperti e denunciati dai Carabinieri

Hanno entrambi 50 anni i due uomini finiti nei guai: il primo, uno straniero, aveva nascosto una mazza in auto; il secondo un fucile in casa. Inoltre un bar di Bojano è stato multato di 400 euro

Hanno entrambi 50 anni i due uomini finiti nei guai dopo essere stati trovati in possesso di armi. Il primo dei due è stato incastrato dai militari della stazione di San Giuliano del Sannio allertati dopo una segnalazione: alcuni cittadini avevano notato due persone sospette aggirarsi nel territorio. I due sono stati prontamente rintracciati dopo le ricerche: il 50enne extracomunitario, da tempo residente in provincia, e il 40enne residente nel piccolo centro erano in un locale pubblico.

Sottoposti a controllo, i due uomini – già gravati da alcuni precedenti – hanno mostrato un atteggiamento che ha insospettito i militari. Hanno pensato che potessero avere con sé sostanze stupefacenti. Non avevano però droga, come emerso dalla successiva perquisizione.

Tuttavia, nell’auto del 50enne straniero i Carabinieri hanno ritrovato una mazza di modeste dimensioni che veniva immediatamente posta sotto sequestro. L’uomo invece è stato denunciato per porto ingiustificato di armi e/o oggetti atti ad offendere. 

La seconda persona denunciata è di Cercepiccola, ‘pizzicato’ dai Carabinieri nell’ambito dei controlli (intrapresi già da qualche tempo dai militari della Compagnia di Bojano) volti alla verifica della corretta detenzione di armi ed alla regolarità dei titoli abilitativi al possesso. Il 50enne aveva fornito informazioni false su un fucile regolarmente detenuto che aveva nascosto dietro la porta di casa come accertato dai Carabinieri di San Giuliano del Sannio. L’arma era stata poggiata per terra, era immediatamente utilizzabile, a dispetto delle norme per la custodia di armi e munizioni.

L’uomo, a cui venivano sequestrati poi altri due fucili ed alcune armi bianche, risponderà all’autorità giudiziaria di omessa custodia di armi.

Non solo. Durante il servizio ad ampio raggio messo in campo dai Carabinieri della Compagnia di Bojano giovedì sera (30 gennaio) per la prevenzione e il contrasto ai reati predatori, sono state impiegate nove pattuglie che hanno proceduto al controllo di 60 veicoli, 91 persone ed eseguito sette perquisizioni personali.

Sotto la lente poi cinque bar. Al titolare di uno di questi locali, che si trova a Bojano, è stata elevata una multa di 400 euro perchè continuava a somministrare bevande alcoliche (birra e super alcolici) oltre le ore 24, senza dare la possibilità alla clientela di controllare il tasso alcolemico. Il bar era sprovvisto di tale apparecchio.

“Il Comando Compagnia di Bojano – si legge in una nota – assicura che i servizi di controllo del territorio continueranno in maniera incessante nell’intero arco orario giornaliero e saranno intensificati nei fine settimana”.